fbpx
 
CittàNotiziepolitica

L’assessore Marco Pierini: “A fine anno cominceremo ad installare a Ladispoli le isole ecologiche computerizzate”

In vista dell’entrata in vigore della TARIP, lunga intervista al delegato all’igiene ed ambiente della città balneare

Assessore Marco Pierini: “A fine anno cominceremo ad installare a Ladispoli le isole ecologiche computerizzate”

di Giovanni Zucconi

L’intervista che segue è molto lunga, oltre che molto interessante. E quindi limiteremo questa introduzione ai soli ringraziamenti all’Assessore di Ladispoli all’Igiene e all’Ambiente, Marco Pierini, per la sua cortese disponibilità, e per il lungo tempo che ci ha concesso.

Quando entrerà in esercizio la TARIP, la tariffa puntuale per la raccolta dei rifiuti, a Ladispoli?

“Inizieremo a raccogliere i dati da gennaio 2023. Il primo anno, presumibilmente, sarà anche un periodo di rodaggio per tutta la macchina organizzativa. Nel 2024 contiamo che sarà tutto a regime, e la piattaforma perfettamente funzionante. Con anche una base di dati raccolti che ci permetteranno di fare migliori valutazioni, previsioni e stime.”

Quale sarà il criterio con cui verrà calcolata la TARIP per i cittadini?

“Il calcolo si baserà sul numero di volte che verrà esposto il mastello dell’indifferenziata. Noi abbiamo previsto che di base ci sia un ritiro a settimana. E su questa base abbiamo calcolato una tariffa massima. Se il cittadino espone meno mastelli dell’indifferenziata durante l’anno, avrà diritto ad una riduzione della TARIP”

Ma questo tipo di misurazione non è un incentivo a favorire l’abbandono dei rifiuti, e a produrre una raccolta differenziata meno di qualità? I cittadini meno virtuosi saranno tentati di gettare l’indifferenziato negli altri mastelli. O, peggio, ad abbandonarlo.

“È vero. Noi temiamo molto un aumento del fenomeno degli abbandoni. Ma ci stiamo attrezzando per impedire che questo accada. Per esempio, noi prenderemo i dati della raccolta non solo per i mastelli dell’indifferenziato, ma anche per tutti gli altri mastelli. In questo modo potremo tenere sotto controllo le utenze, e individuare subito delle anomalie dovute a raccolte truffaldine. Incroceremo tutti i dati per valutare eventuali situazioni poco chiare, e le faremo controllare dai nostri funzionari. Così sarà più facile individuare potenziali utenze che abbandonano i rifiuti, o che non differenzia correttamente.”

La raccolta differenziata “sporca” e gli abbandoni immagino che rappresentino un danno economico a prescindere dal minore introito della TARIP

“E’ così. Per due motivi. Il primo è che un differenziato non di qualità, ma sporco di indifferenziato, ci viene pagato molto meno. Il secondo, è che raccogliere i rifiuti abbandonati ci costa molto di più che raccoglierli con il porta a porta. Quindi un doppio danno per le casse del Comune, che si trasforma inevitabilmente in un possibile aumento della TARIP per tutti. Viceversa, in presenza di un corretto conferimento generalizzato, potrebbe essere possibile una diminuzione delle tariffe.”

Assessore Marco Pierini: "A fine anno cominceremo ad installare a Ladispoli le isole ecologiche computerizzate"
Assessore Marco Pierini: “A fine anno cominceremo ad installare a Ladispoli le isole ecologiche computerizzate”

Per scoraggiare gli abbandoni state pensando di utilizzare anche delle fototrappole? Soprattutto nelle frazioni dove il fenomeno dell’abbandono è più marcato

“Noi effettivamente soffriamo tantissimo di questo fenomeno nelle frazioni e nelle zone agricole. Per questo stiamo organizzando un capillare controllo del territorio per impedire gli abbandoni. Nel prossimo Consiglio Comunale, conto di portare all’approvazione il regolamento che ci permetterà di installare le fototrappole. Le prime nove le abbiamo già acquistate. Ma nel 2023 contiamo di installarne molte di più.”

Che altre tipologie di controlli state organizzando?

“Nei controlli non ci vogliamo limitare ad utilizzare solo la Polizia Municipale e le Guardie ecozoofile. Che già fanno un lavoro importante e prezioso, e a cui abbiamo chiesto un impegno ancora maggiore. Ma vogliamo anche dotarci di una figura specializzata in questi controlli. Un professionista che sia dedicato h24 su questa attività.”

L’assessore Marco Pierini: “A fine anno cominceremo ad installare a Ladispoli le isole ecologiche computerizzate”

Un nuovo funzionario del Comune?

“No, Sarà un servizio dedicato della Tekneko. Istituiremo un ispettore ambientale che si occuperà esclusivamente degli abbandoni e dei conferimenti scorretti. Insieme alle Guardia ambientali e alla Polizia municipale dovrà seguire un piano che stiamo sviluppando per contrastare gli abbandoni e le frodi. Che, come dicevamo, temiamo aumentino con l’istituzione della TARIP.”

Questo ispettore avrà la possibilità di emettere delle sanzioni?

“Si, potrà emettere direttamente i verbali o le multe. Ci sarà un’ordinanza del Sindaco in proposito. Ma sarà un dipendente della Tekneko. Lo formeranno entro fine mese. Da sottolineare che avrà anche una funzione di coordinamento tra i vari soggetti che operano nei controlli. In modo che non ci siano perdite di tempo nei vari passaggi burocratici, e si abbia un’unica figura di riferimento.”

Parliamo di condomìni. Come sarà calcolata la TARIP in questo caso?

“Allo stesso modo. Per le utenze singole contiamo le raccolte dell’indifferenziata. Nei condomìni contiamo il numero di bidoni carrellati dell’indifferenziata che vengono scaricati. Naturalmente il numero di riferimento “massimo” dipenderà dalle dimensioni dei condomini.”

Indubbiamente per i condomini, un utente virtuoso avrà meno possibilità di sperare in un risparmio sulla bolletta. E viceversa, i meno virtuosi hanno maggiore possibilità di operare impunemente

Assessore Marco Pierini: "A fine anno cominceremo ad installare a Ladispoli le isole ecologiche computerizzate"
Assessore Marco Pierini: “A fine anno cominceremo ad installare a Ladispoli le isole ecologiche computerizzate”

“Questo purtroppo è fisiologico. E i condomini più virtuosi dovranno vigilare sulla qualità di quanto viene raccolto. Per evitare sanzioni. I condomìni sono purtroppo l’area in cui le problematiche sulla qualità della raccolta sono maggiori. È più facile operare in modo scorretto nell’anonimato.”

Ma è anche più difficile emettere delle sanzioni. Possono sempre essere soggette a facili ricorsi

“È vero. Ma è comunque un forte deterrente. Se ti cominciano ad arrivare sanzioni a raffica, poi comunque avrai il disagio e il costo di seguire tutte queste vertenze. È sicuramente più semplice e conveniente per tutti cominciare a differenziare in modo corretto.”

Ma non è stata prevista nessuna norma a favore dei condomìni?

“Abbiamo alzato da sei a otto, il numero di utenze all’interno di un condomino che possono richiedere il mastello singolo. Quindi ci potranno essere meno condomìni con i carrellati.”

Chi avrà maggiori benefici dall’introduzione della TARIP?

“Sicuramente chi vive da solo, o in poche persone, in appartamenti di grandi dimensioni. La nuova tassa non dipenderà più dalla superficie dell’immobile, ma dal reale consumo e dalla capacità di differenziare in modo corretto. Ma non dimentichiamoci che una corretta e efficace raccolta differenziata porta grandi benefici anche e soprattutto all’ambiente. E questo non è un beneficio da poco.”

Secondo lei i cittadini di Ladispoli sono pronti per la TARIP?

“Probabilmente no. Ma è un adeguamento di legge, e lo dovevamo fare. Abbiamo delle zone, come a Marina di San Nicola, dove la sostituzione dei mastelli, necessaria per introdurre la TARIP, ha avuto percentuali bassissime di realizzazione. Naturalmente lì ha pesato il fatto che ci sono soprattutto seconde case. Complessivamente dovremmo aver già sostituito un 70% dei mastelli”

Ma nel caso un utente non abbia i mastelli nuovi, come pagherà la TARIP?

“Non potendo certificare le eventuali raccolte virtuose, pagherà l’importo base della tariffa.”

Come pensate di migliorare questa situazione?

“E’ allo studio una grande campagna di informazione. I cittadini vanno informati, perché non sempre conoscono quello che devono fare per differenziare correttamente. Ma addirittura non hanno bene assimilato lo spirito di queste norme. Non hanno spesso ben compreso che l’obiettivo ultimo è quello di avere meno indifferenziato possibile. Eppure, ancora mi chiedono dove possono buttare il loro indifferenziato. L’indifferenziato non si può raccogliere, per legge, se non nei mastelli in modalità porta a porta. I cittadini devono differenziare. Per questo ho chiesto al mio Ufficio e alla Tekneko di organizzare, almeno per l’inizio del nuovo anno, una campagna di comunicazione e di sensibilizzazione più efficace per recuperare i ritardi e informare meglio i cittadini.”

È però indubbio, soprattutto per chi ha le seconde case, che qualche problema oggettivo a differenziare correttamente ce l’hanno. Come pensate di venire incontro a questa tipologia di utenti?

“Tra poco installeremo delle isole ecologiche computerizzate. Dove l’utente, che per qualche motivo non può, o non vuole, differenziare con il porta a porta, può accedere utilizzando la sua tessera sanitaria. Naturalmente non potrà conferire indifferenziato, ma solo rifiuti differenziati. Non è la soluzione a tutti i mali, ma sicuramente aiuta il conferimento dei non stanziali. Ne metteremo almeno tre. A cominciare già da fine anno. Per la prossima Sagra del Carciofo ce ne saranno installate almeno due.”

A proposito di isole ecologiche. Sembra che quelle mobili non siano state un grosso successo. Non si potrebbero dirottare quelle risorse in altre aree di intervento?

“Le toglieremo tutte e le sostituiremo con queste computerizzate, utilizzando le risorse a loro destinate.”

Parliamo di pulizia delle caditoie

“Fino ad oggi la pulizia delle caditoie era affidata alla Flavia Acque. Adesso è passata sotto la competenza del Comune. Stiamo quindi studiando la possibilità di affidarla alla Tekneko, tramite una variazione del contratto dei servizi. In questo modo potremo sicuramente garantire un servizio migliore, perché sono ben attrezzati. Avere un referente unico per diversi servizi, ti permette di coordinare meglio tutte le attività collegate.

E per le disinfestazioni delle zanzare, come pensare di muovervi. Quest’anno il servizio non è stato ineccepibile.

“Contiamo di mettere anche questo nello stesso pacchetto di servizi che chiederemo alla Tekneko. Disinfestazione e derattizzazione.”

Ultima domanda. Riguarda la pulizia delle spiagge. Ormai stiamo assistendo ad una destagionalizzazione del turismo. Non sarebbe il caso di prevedere una loro pulizia anche nel periodo invernale?

“Devo dire che quest’anno non abbiamo avuto grossi problemi o lamentele. Il servizio ha funzionato bene. Le pulizie delle spiagge sono sempre state previste tutto l’anno. Ma con il nuovo capitolato sono previsti dei passaggi in più. Nel periodo novembre-dicembre, per esempio, sono previsti un paio di passaggi al mese. Inoltre, in caso di bisogno, per esempio in caso di mareggiate, c’è l’accordo con la Tekneko che deve intervenire per la ripulitura.

Post correlati
Notizie

Lazio, allerta meteo gialla da oggi pomeriggio e per le successive 24-36 ore

Notizie

"Cerveteri bellezza infinita", lunedì al Granarone un pomeriggio dedicato a tutte le iniziative di promozione e rilancio del territorio

Notizie

Civitavecchia, la Guardia Costiera rinnova in cattedrale l'omaggio a Santa Barbara

Città

Sinistra Italiana Ladispoli: "Sul parco di Viale Europa lavori conclusi che però non rispettano il progetto presentato"

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.