CittàNotizie

Ladispoli, spiagge sempre più ecologiche in città

L’amministrazone punta a tutelare sempre di più il mare dall’inquinamento crescente

Le spiagge di Ladispoli diventano sempre più ecologiche. O almeno è questa l’intenzione dell’amministrazione comunale che già da tempo sta valutando una serie di iniziative per cercare di tutelare l’ambiente. Nei mesi scorsi proprio il vicesindaco Pierpaolo Perretta aveva annunciato la volontà da parte sua e del Comune di rendere Ladispoli e in particolare gli arenili liberi, plastic free. Minor utilizzo di plastica monuso e più sostegno alla natura. Il tutto cercando di mettere in atto alcune delle iniziative promosse dall’associazione AMI (Ambiente Mare Italia) in questo senso. Ma la plastica non è l’unico materiale inquinante da cui liberare le spiagge e il mare. Anche i mozziconi di sigaretta, se abbandonati dove capita diventano una vera e propria fonte inquinante, forse più delle cannucce e delle buste di plastica. Questo perché, i filtri delle sigarette sono provviste di filtri fatti, solitamente, di acetato di cellulosa, un tipo di plastica che ci mette più di un decennio a decomporsi. Filtri che purtroppo, nella stragrande maggioranza dei casi, anziché andare a finire negli appositi posacenere (ad oggi ce ne sono anche di tascabili da poter portare in ogni luogo col minimo sforzo), vanno a finire direttamente in strada, dentro i tombini, sulle spiagge e da qui poi essere trasportati tramite le correnti dei fiumi e delle mareggiate direttamente in fondo al mare, dove diventano, al pari della plastica, cibo per diverse specie di pesci. E allora proprio per cercare di dare un segnale forte alla popolazione, il vicesindaco Pierpaolo Perretta sta valutando la possibilità di trasformare le spiagge libere della città aree “no smoke”. Per farlo sarebbe necessaria un’apposita ordinanza a firma del sindaco Alessandro Grando. Per il momento si tratta solo di un’idea allo stato embrionale che potrebbe essere sostituita da altre idee con lo stesso obiettivo: la tutela dell’ambiente. E proprio in questa direzione c’è il bando promosso da Città Metropolitana e a cui la città di Ladispoli aveva deciso di aderire per contrastare l’abbandono dei mozziconi di sigarette per le strade, sulle spiagge, e nelle aiuole. «Grazie al contributo messo a disposizione tramite questo bando – aveva spiegato il delegato al servizio di igiene urbana Carmelo Augello – si potrà realizzare una campagna informativa mirata, oltre al posizionamento di raccoglitori di mozziconi nei punti più frequenti». Il progetto prevederebbe anche la possibilità di andare a tutelare le spiagge e dunque il mare con la distribuzione, da parte dell’amministrazione di «posaceneri a cono da spiaggia. Un mozzicone di sigaretta – aveva infatti sottolineato il delegato – non solo è inquinante dal punto di vista ambientale, ma è veramente un’immagine poco gradevole, se pensiamo sorpattutto a quello che avviene sulle spiagge il periodo estivo».
Regole e iniziative da parte dell’amministrazione a parte, il grande lavoro per la pulizia delle spiagge toccherà comunque alla popolazione e al suo senso civico. Spetterà a ognuno dei bagnanti contribuire fattivamente a lasciare, una volta terminato il ”soggiorno” al mare, la spiaggia pulita e priva di rifiuti. Uno scenario che purtroppo ad oggi difficilmente si presenta agli occhi di chi, al mattino, per una passeggiata all’aria aperta, si ritrovano davanti scene di totale degrado e arenili invasi da montagne di rifiuti. Spesso anche ingombranti (mobili, elettrodomestici dismessi). Un po’ lo scenario che si presenta puntuale davanti agli occhi delle associazioni di volontariato che operano nell’ambito della tutela ambientale e che si occupano appunto delle discariche abusive che quotidianamente sorgono qua e là in città: dalle zone periferiche a quelle più centrali, nessuna esclusa. Tantomeno le spiagge: anche loro vittime dell’inciviltà.

Anche tu REDATTORE!

Inviaci in tempo reale foto, video, notizie di cronaca, curiosità, costume.

Ti trovi nel mezzo di un incidente? Fotografa la situazione e manda due righe alla redazione, chiedendo se vorrai essere citato oppure no all'interno dell'articolo come autore. Invia il tuo materiale a baraonda.giornale@gmail.com oppure raggiungici tramite whatsapp a questo numero 3472241340.

Grazie a questa rete di comunicazione baraondanews sarà in grado di fornire ancora più informazioni utili ai propri lettori. Insieme faremo un giornale ancora più potente ed efficace. 

Post correlati
CronacaNotizie

Vannini, Carmelo Abbate querela 'il giusto processo'

CittàOspiti

Assistenza domiciliare, Danese replica a Grando: "Piuttosto che usare toni sprezzanti ci incontri"

CronacaNotizie

La Juventus e Ronaldo scendono in campo per Marco e Francesco

AttualitàCittà

Furti sui mezzi pubblici. Arrestata banda di borseggiatori

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.

Leggi online
BARAONDA NEWS

SFOGLIA LA RIVISTA
close-link
Sfoglia la rivista