fbpx
 
Notizie

Ladispoli, da un’idea a un progetto di solidarietà Marco e Francesco

La storia della nascita della onlus dedicata ai due fratellini di Valcanneto affetti dalla malattia di Batten

Ladispoli, da un’idea a un progetto di solidarietà Marco e Francesco –

“Emy ma se fondassimo noi una onlus per Marco e Francesco? Perché lasciar gestire il tutto ad altri?”.

Con questa idea in testa, una mattina, la responsabile di Cuori ladispolani, Caterina De Caro, si è svegliata.

Un gesto di amore, di solidarietà, per dare una possibilità concreta ai due fratellini di Valcanneto, Marco e Francesco, affetti dalla malattia di Batten, di essere curati.

Ladispoli, da un'idea a un progetto di solidarietà Marco e Francesco
Ladispoli, da un’idea a un progetto di solidarietà Marco e Francesco

Un’idea subito condivisa con il papà dei due fratellini, Emiliano Camerini che, parlatone con Silvia, la mamma di Marco e Francesco, ha detto subito si.

Un sì arrivato così, d’istinto, anche dal primo cittadino di Ladispoli, Alessandro Grando che durante una delle ultime cene di solidarietà ha donato ben 1700 euro acquistando all’asta la maglia autografata di Ronaldo.

Una maglia che, precedentemente, la famiglia Camerini voleva regalargli.

Un regalo che però il primo cittadino ha rifiutato per poter contribuire anche lui. Proprio come ha fatto.

E così all’idea di Caterina De Caro si unisce anche Antonella Martinangeli, resa partecipe direttamente da mamma Silvia.

Lei ha le conoscenze e il tempo da dedicare alla onlus e all’idea non si tira indietro.

Una storia, quella dei fratellini Camerini, da raccontare, da divulgare, proprio come da raccontare e divulgare sono tutte le iniziative legate alla causa che i tanti cittadini del comprensorio in questi anni stanno portando avanti per racimolare la somma necessaria per far sì che i due piccoli possano volare negli Stati Uniti così da sottoporsi alle cure sperimentali.

Ad occuparsi allora della divulgazione e organizzazione di conferenze stampa sarà Alessandro Ferri.

“Una nuova sfida da vincere”, scrive Caterina De Caro.

“All’inizio dicevo sempre, ed era ormai uno slogan, ‘una goccia nel mare non si vede ma tante gocce fanno il mare’.

Oggi grazie al nostro lavoro, al grande impegno, ma soprattutto alla vostra costante partecipazione, piena di orgoglio e con forte emozione credo di poter dire che le nostre gocce stanno diventando mare”.

Per contribuire con delle donazioni si può sempre far riferimento alla onlus Marco e Francesco Camerini Uniti contro la malattia di Batten

IBAN IT 26 T 083 2739 0300 0000 0010 961

Post correlati
CittàNotizie

Variazioni di servizio sulla linea FL5 fino all'8 giugno 2024

CittàCronacaNotizie

Evviva Sammichele

Notiziepolitica

Civitavecchia: il Sindaco uscente Ernesto Tedesco rinuncia alla sua candidatura

AttualitàNotizie

Asl Roma 4, violenza di genere nuovo protocollo a sostegno delle donne

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.