fbpx
Notizie

Ladispoli, all’alberghiero la sommelier Marta Zega

6 Condivisioni

Interessantissimo incontro per gli studenti che hanno approfondito il tema della conoscenza dei vini

Arte delicata e difficile legata al gusto e alla sua ricca articolazione, ma anche tecnica basata su precise conoscenze e competenze: il sommelier è una figura professionale ormai indispensabile nel settore della ristorazione. 

E a spiegare tutti i segreti della degustazione dei vini, all’Alberghiero di Ladispoli, mercoledì 27 febbraio è stata Marta Zega, Sommelier di Primo Livello, ma soprattutto ex-studentessa dell’Istituto Professionale di via Federici. “E’ una grande gioia per noi accogliere la nostra allieva nelle vesti di docente. – ha affermato la Dirigente Scolastica Prof.ssa Vincenza La Rosa – La sua presenza oggi, con noi, dimostra la validità e l’efficacia dell’offerta formativa dell’Istituto Alberghiero ed è di importantissimo sprone per gli studenti che stanno frequentando attualmente i corsi”. “E’ nostra intenzione puntare molto sulla motivazione degli allievi – hanno aggiunto la Prof.ssa Donatella Di Matteo e il Prof. Bruno Mazzeo, Docenti di Sala dell’Istituto Alberghiero – Ascoltare dalla viva voce di una ex-studentessa il racconto e la descrizione delle prospettive occupazionali e della realtà professionale che attende i nostri studenti, una volta terminato il loro percorso scolastico, è molto più efficace di una qualsiasi lezione teorica “ex-cathedra”.

Marta Zega ha spiegato le caratteristiche della figura del sommelier, i cambiamenti conosciuti dalla professione negli ultimi anni e tutti i segreti dell’abbinamento cibo-vino. Ma, nel corso dell’incontro, è stata anche ricordata la storia e la curiosa provenienza linguistica della parola sommelier. Dall’antichità greca e latina al presente, dal simposiarca all’arbiter bibendi, dal coppiere rinascimentale al ‘Somigliere di Bocca e di Corte’ dell’Ottocento, fino ad arrivare all’attualità di una professione molto richiesta nel settore ristorativo. Sommelier, è stato sottolineato, deriva dalla parola latina ‘sagma’ che vuol dire ‘soma’, e si riferisce al carico trasportato dagli animali, compreso quello di vini. Il ‘saumelier’, nel francese provenzale, era quindi il ‘conduttore di animali da soma’, figura poi evolutasi nel senso di ‘cantiniere’ e ‘cameriere per la scelta e il servizio dei vini’. 

Ma mercoledì 27 febbraio, nel Laboratorio di Sala dell’Istituto Alberghiero, Marta Zega ha tenuto anche e soprattutto una lezione pratica e dimostrativa di degustazione, con due vini del territorio e uno campano: Zio Carlo, Tenuta Tre Cancelli e Lacryma Christi. Una giornata all’insegna della teoria unita alla pratica: il connubio vincente di una formazione di qualità, pronta ad aprire le porte del futuro. 

6 Condivisioni

Anche tu REDATTORE!

Inviaci in tempo reale foto, video, notizie di cronaca, curiosità, costume.

Ti trovi nel mezzo di un incidente? Fotografa la situazione e manda due righe alla redazione, chiedendo se vorrai essere citato oppure no all'interno dell'articolo come autore. Invia il tuo materiale a [email protected] oppure raggiungici tramite whatsapp a questo numero 3472241340.

Grazie a questa rete di comunicazione baraondanews sarà in grado di fornire ancora più informazioni utili ai propri lettori. Insieme faremo un giornale ancora più potente ed efficace. 

Post correlati
CronacaNotizie

Cerveteri, scalatore precipita al Sasso. Elitrasportato al San Camillo

Notizie

Cerveteri, auto a fuoco. Intervento dei vvf

Notizie

Coronavirus, boom di guariti. A Ladispoli 22, 14 a Cerveteri

Notizie

Coronavirus, nel Lazio numero dei positivi più basso da 7 mesi

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.