fbpx
CittàCronacaNotizie

Incatena il figlio al letto, i legali del 38enne pronti a fare appello al Riesame

15 Condivisioni

L’uomo ancora detenuto alla Casa Circondariale di Civitavecchia

Incatena il figlio al letto, i legali pronti a fare appello al Riesame –

«I fatti sono molto più lievi rispetto a ciò che è stato raccontato».

A parlare, precisando la posizione del suo assistito, è l’avvocato Tiziana Gorla che insieme all’avvocato Michele Cristini, difende il 38enne di origine romena di Ladispoli arrestato dai Carabinieri della Compagnia di Civitavecchia nei giorni scorsi per sequestro di persona e maltrattamenti in famiglia.

Secondo quanto raccontato nei giorni scorsi, l’uomo, dopo aver litigato con il figlio lo avrebbe legato con delle catene al letto privandolo di acqua e cibo.

Il ragazzo, di 17 anni, approfittando dell’assenza del padre sarebbe fuggito allertando la vicina che a sua volta ha chiamato i militari, successivamente intervenuti sul posto.

«Il ragazzo non è stato privato di acqua e cibo per due giorni come raccontato – ha precisato il legale del 38enne – ma solo per qualche ora». L’avvocato Gorla parla di una famiglia «normale, perfettamente integrata e che lavora».

E a confermare ciò, come specificato dal legale, sono anche i vicini di casa «che non hanno mai sentito violenze e urla».

Una famiglia come tante, insomma, che ora, sta risentendo dell’episodio di qualche giorno fa di cui anche i quotidiani si sono occupati.

A risentire di quanto accaduto in particolar modo sarebbe la sorella del 17enne.

«La ragazza ha 14 anni – ha spiegato il legale – e soffre molto di questa situazione perché non capisce cosa sia successo».

Come precisato ancora dall’avvocato Gorla «in famglia non si sono verificati maltrattamenti, bisogna solo capire cosa sia successo in questo singolo episodio», dove il ragazzo sarebbe stato legato al letto con catene «talmente piccole tanto da essere riuscito a liberarsi da solo».

Nel frattempo, i legali chiederanno appello al Riesame per chiedere i domiciliari.

«Il ragazzo – ha spiegato il legale, che peraltro tra qualche mese avrà raggiunto la maggiore età, non è più in casa, quindi non sussistono le condizioni per un eventuale inquinamento delle prove o la reiterazione del reato».

15 Condivisioni

Anche tu REDATTORE!

Inviaci in tempo reale foto, video, notizie di cronaca, curiosità, costume.

Ti trovi nel mezzo di un incidente? Fotografa la situazione e manda due righe alla redazione, chiedendo se vorrai essere citato oppure no all'interno dell'articolo come autore. Invia il tuo materiale a baraonda.giornale@gmail.com oppure raggiungici tramite whatsapp a questo numero 3472241340.

Grazie a questa rete di comunicazione baraondanews sarà in grado di fornire ancora più informazioni utili ai propri lettori. Insieme faremo un giornale ancora più potente ed efficace. 

Post correlati
NotizieSport e Salute

L'ASD Volley Ladispoli ritira la squadra dal campionato di Serie B2

Notizie

Cerveteri, attivato servizio per allerta meteo

Notizie

Maltempo, innalzata l'allerta meteo

Notizie

Niente passaggio di proprietà, stop a sei scuolabus

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.

Leggi online
BARAONDA NEWS

SFOGLIA LA RIVISTA
close-link
Sfoglia la rivista
Hai bisogno di aiuto?