fbpx
InformasaluteSport e Salute

Il problema dell’Acne e alimentazione occidentale

Acne e alimentazione: nel mirino la dieta degli adolescenti. E la dieta mediterranea?

Rubrica di informazione a cura del Dott. Daniele Segnini, biologo nutrizionista

Acne e alimentazione hanno una stretta relazione, specialmente in un particolarissimo periodo della vita: l’adolescenza è un periodo di grandi cambiamenti, fisici e mentali.

I giovani, infatti, sono sottoposti a vere e proprie tempeste ormonali con le quali acquisiscono i caratteri sessuali secondari.

Una caratteristica comune a tutti gli adolescenti, senza troppe distinzioni, è invece l’aumento di volume delle ghiandole sebacee e l’inizio della produzione del sebo, una fondamentale secrezione oleosa, che difende la pelle dalle infezioni.

In alcuni adolescenti il sebo, però, ha un’azione irritante e si formano strutture (dette comedoni o punti neri) che, come un tappo, ostacolano il suo transito dalle ghiandole alla superficie della pelle.

In tal modo i grassi del sebo ristagnano, si degradano e creano un ambiente favorevole ai batteri, causando le manifestazioni più spiacevoli dell’acne: la distruzione dei follicoli e le cicatrici.

Il 90% delle volte l’acne arriva durante l’adolescenza, ma spesso (quasi nel 40% dei casi) rimane fino ai 30 anni.

Oltre a fattori familiari, l’igiene, l’inquinamento ambientale e lo stress giocano un ruolo chiave.

Ma, probabilmente, il fattore più importante è l’alimentazione.

Con la tipica dieta occidentale, ben diversa dalla dieta mediterranea, si mangiano quantità eccessive di carni rosse provenienti da allevamenti industriali, cereali raffinati, alimenti e bevande ricchi di zuccheri semplici e grassi processati.

Cosa c’entra tutto questo con l’acne?

Il discorso è un po’ complesso, ma possiamo riassumerlo così:

Questo tipo di alimentazione, attraverso alcune molecole (aminoacidi ramificati, glutammina, acido palmitico), stimola una proteina (mTORC1) che fa aumentare la produzione di sebo e la sua composizione in acidi grassi pro-infiammatori.

Da qui parte il fastidioso processo che i giovani ben conoscono.

Oggi abbiamo finalmente capito il meccanismo e possiamo intervenire e per modificare a scopo benefico il rapporto tra acne e alimentazione.

Diversi studi mostrano che seguendo un’alimentazione a basso carico glicemico, di tipo mediterraneo, già dopo 3 mesi si ha una riduzione delle ghiandole sebacee e dell’acne facciale.

La dieta anti-acne prevede abbondanti quantità di verdura e frutta (non succhi di frutta), pescato, legumi, frutta secca e olio d’oliva, poca carne (magra), pochi prodotti caseari, con i prodotti industriali e il cibo-spazzatura eliminato o ridotto al minimo.

Provare per credere, anche perché è un modo di mangiare che oltre all’acne, previene il diabete e l’obesità.

Altre informazioni sulle connessioni tra benessere e alimentazione qui. Per seguire la Rubrica Sport e Salute di Baraondanews a cura dei professionisti del territorio vai su questa pagina.

Anche tu REDATTORE!

Inviaci in tempo reale foto, video, notizie di cronaca, curiosità, costume.

Ti trovi nel mezzo di un incidente? Fotografa la situazione e manda due righe alla redazione, chiedendo se vorrai essere citato oppure no all'interno dell'articolo come autore. Invia il tuo materiale a [email protected] oppure raggiungici tramite whatsapp a questo numero 3472241340.

Grazie a questa rete di comunicazione baraondanews sarà in grado di fornire ancora più informazioni utili ai propri lettori. Insieme faremo un giornale ancora più potente ed efficace. 

Post correlati
CittàNotizieSportSport e Salute

Crossfit a Cerveteri, Giancarlo Paolacci grande mattatore al Tyrsenia S.C.

Sport e Salute

Esami di Cintura per il Team Combat Lobrano di Ladispoli

AttualitàInformasaluteNotizieOspiti

Cerveteri, parola al Nutrizionista: tutto ciò che c’è da sapere su Coronavirus e Alimentazione

AttualitàCittàInformasaluteOspiti

Ladispoli, lo studio dentistico Cristofaro lancia l'Apparecchio Invisibile

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.