fbpx
 
Attualità

Giuseppe, laureato a 97 anni: è record italiano

Nonno di quattro nipoti, è il più anziano studente universitario italiano

Giuseppe, laureato a 97 anni: è record italiano –

“Non ho l’età”, cantava Gigliola Cinquetti nel 1964, quando il nostro protagonista, Giuseppe Paternò, era un uomo sulla quarantina. Lo scorso 9 settembre di candeline ne ha spente 97, e contro qualsiasi statistica sulle età di laurea, ha festeggiato anche il suo fresco 100 e lode conseguito a luglio presso l’Università di Palermo.

Nonno di quattro nipoti, è il più anziano studente universitario italiano; e con buone probabilità almeno nella top ten mondiale.

Fin dall’età di sette anni ha iniziato a lavorare nella birreria di famiglia per aiutare il padre, da fratello maggiore di 7 figli. La sua ambizione però è stata sempre quella di studiare, e lo ha fatto finchè ha potuto, alternando studio e lavoro.

La vita però aveva in serbo per lui qualche complicazione di troppo. La chiamata alle armi per la seconda guerra mondiale, lo costrinse a lasciare tutto e partire. Al suo ritorno la vita lavorativa lo “inghiotte”, prima come fattorino, poi come impiegato nelle Ferrovie dello Stato.

Ha recuperato il tempo con determinazione: a 31 anni si è diplomato geometra alla scuola serale. Quel diploma e gli ha permesso di diventare capostazione.

Con la pensione, ha potuto finalmente dedicarsi con calma e dedizione allo studio, iscrivendosi all’Università di Palermo, e sostenendo una carriera studentesca di tutto rispetto, tanti 30 e 30 e lode e rispettando tutte le tempistiche, che spesso molti ragazzi con 70 anni in meno faticano a sostenere. Dunque, a 97 anni, Giuseppe Paternò consegue la laurea in Storia a Palermo.Queste le parole a tal proposito del Rettore Fabrizio Micari:

“È un record, è un giorno di grande festa. Un laureato di questa età che dimostra tutta questa passione, questo grande entusiasmo e questa capacità è sicuramente un testimonial straordinario per la nostra università. Rappresenta anche un insegnamento formidabile per tutti quanti i ragazzi. Arrivare con questa freschezza, con questa gioia, con questa voglia di conoscere è veramente qualcosa di meraviglioso. Per noi è una grande soddisfazione. Ha studiato, si è impegnato, ha dato le materie regolarmente, quindi è un esempio per tutti ed arriva a questo risultato straordinario perfettamente in regola. Adesso lo aspettiamo per la magistrale e poi non mettiamo limiti alla provvidenza. La media è altissima. Se viene affrontato con questa passione, nessun ostacolo è insuperabile”.

Insomma tanti auguri e complimenti al neo laureando, che ci insegna, ancora una volta, che si ha sempre l’età giusta per fare quello che si ama.

Post correlati
AttualitàCronaca

Allacciamento A91/A12: chiuso per una notte verso Civitavecchia

AttualitàCittà

Mozart, Rossini e Beethoven nel primo concerto dell 'OSCSC

Attualità

Il 24 maggio inaugurazione nuova sala di geologia e mineralogia del MAK | Museo di Allumiere

Attualità

Scomparsa Venanzo Bianchi, il cordoglio del comune di Santa Marinella

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.