fbpx
Notizie

Fumi delle navi, Gruppo M5S: “Il Comune si faccia parte attiva per la salute dei cittadini”

4 Condivisioni

Oggetto del contendere il mancato rinnovo del cosiddetto “Blue Agreement”

Fumi delle navi, Gruppo M5S: “Il Comune si faccia parte attiva per la salute dei cittadini”

Il Civitavecchia Blue Agreement è scaduto a dicembre 2019 e ovviamente l’amministrazione Tedesco se n’è accorta solamente da qualche giorno. Tre anni fa, nel 2017, l’amministrazione Cozzolino in collaborazione con la Capitaneria di Porto e l’Adsp, ha avviato un dialogo con le compagnie di navigazione che approdano a Civitavecchia, interlocuzione che ha portato dopo un anno alla firma dell’accordo volontario Civitavecchia Blue Agreement. L’accordo, tanto innovativo e importante da essere imitato ed adottato anche da altre città portuali, quali Genova, Livorno, Ancona ed altre ancora, ha in parte anticipato di due anni la riduzione del tenore di zolfo nei carburanti delle navi, entrata in vigore per legge dal 1.1.2020. Ma l’accordo oltre ad aver sancito l’impegno da parte delle compagnie di installare sulle navi depuratori di fumi di scarico, detti scrubber e l’utilizzo di batterie nelle fasi di stazionamento in porto, prevedeva anche norme per la gestione delle macchine e motori di bordo ai fini della riduzione delle emissione nocive di gas. Erano previsti inoltre degli sgravi da parte di Adsp sulla tariffa dei rifiuti per le navi più virtuose. Oggi purtroppo sono ritornate tristi fumate nere sul nostro orizzonte, per le quali già il 29 luglio scorso abbiamo chiesto un intervento deciso del sindaco e un’attenzione maggiore da parte della Capitaneria: invitiamo il Sindaco e l’assessore all’ambiente ad affrontare seriamente il problema dei fumi molesti delle navi. Innanzitutto, quindi, a rinnovare e migliorare il Blue Agreement, sostituendo l’impegno sui combustibili ormai obbligatorio per legge con altri impegni più stringenti, ma anche a riprendere il dialogo con il Ministero dell’Ambiente per l’attuazione delle prescrizioni VIA, tra le quali, l’elettrificazione delle banchine e un proficuo rapporto con la Capitaneria di Porto per sanzionare quei comandanti che non rispettano la nostra città. Solo se le istituzioni sono unite verso un unico obiettivo di sostenibilità ambientale è possibile avviare dei cambiamenti come quello che abbiamo ottenuto noi nel 2018, a partire da un’amministrazione comunale che fino ad oggi ha dimostrato scarsissima attenzione all’ambiente e alla salute dei nostri concittadini Gruppo consiliare M5S

4 Condivisioni

Anche tu REDATTORE!

Inviaci in tempo reale foto, video, notizie di cronaca, curiosità, costume.

Ti trovi nel mezzo di un incidente? Fotografa la situazione e manda due righe alla redazione, chiedendo se vorrai essere citato oppure no all'interno dell'articolo come autore. Invia il tuo materiale a [email protected] oppure raggiungici tramite whatsapp a questo numero 3472241340.

Grazie a questa rete di comunicazione baraondanews sarà in grado di fornire ancora più informazioni utili ai propri lettori. Insieme faremo un giornale ancora più potente ed efficace. 

Post correlati
CittàNotizie

Natale a Ladispoli senza mercatino e senza pattinaggio sul ghiaccio

CittàNotiziepolitica

Ladispoli, Loddo: “Se rispettate le norme anti assembramento parteciperò”

CittàNotizie

Vietato Halloween a Santa Marinella “a causa della difficile situazione”

Notizie

Coronavirus, 17 casi a Ladispoli e 12 a Cerveteri, un morto ad Anguillara

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.