AttualitàCittàCronaca

Emanuele Dessì (M5S): “Marco Vannini e Stefano Cucchi potevano essere salvati”

160 Condivisioni

“Solo la forza di volontà delle famiglie sta facendo venire a galla la verità”

“Marco Vannini, ucciso a Cerveteri dallo pseudosuocero con un colpo di pistola, e Stefano Cucchi, massacrato di botte dopo un arresto, sono storie molto diverse. 

Stefano era un ragazzo difficile, con una vita complicata alle spalle e con problemi personali che ha pagato a un prezzo troppo alto. 

Marco non era nulla di tutto questo: ha solo commesso l’errore di innamorarsi di una ragazza con un padre sbagliato. Due storie diverse che però pongono lo stesso tema: come magistratura, forze dell’ordine e istituzioni possono e devono difendere i giovani. 

Marco e Stefano erano due ragazzi che potevano essere salvati: Cucchi se non fosse stato massacrato a botte e calci in faccia come sta finalmente emergendo oggi nel processo grazie alla testimonianza di un carabiniere pentito; Vannini se fosse stato soccorso in tempo dopo lo sparo e se non fossero stati messi in atto assurdi depistaggi. 

Può essere tuttavia ancora salvato il senso di giustizia in questo Paese: magistratura e forze dell’ordine, a cui va il mio totale rispetto, hanno avuto e hanno in questo senso una enorme responsabilità. 

Solo la forza di volontà delle famiglie (in particolari di due donne forti e coraggiose: la sorella di Stefano e la mamma di Marco) sta facendo venire a galla la verità. 

Visto che non siamo riusciti a salvare questi due giovani, almeno salviamo l’onore dello Stato italiano, della magistratura e delle forze dell’ordine non creando due obbrobri giurisprudenziali.
Mai più morti di stato”.

Così il senatore Dessì (5 Stelle) sul proprio profilo social

160 Condivisioni

Anche tu REDATTORE!

Inviaci in tempo reale foto, video, notizie di cronaca, curiosità, costume.

Ti trovi nel mezzo di un incidente? Fotografa la situazione e manda due righe alla redazione, chiedendo se vorrai essere citato oppure no all'interno dell'articolo come autore. Invia il tuo materiale a baraonda.giornale@gmail.com oppure raggiungici tramite whatsapp a questo numero 3472241340.

Grazie a questa rete di comunicazione baraondanews sarà in grado di fornire ancora più informazioni utili ai propri lettori. Insieme faremo un giornale ancora più potente ed efficace. 

Post correlati
Cittàpolitica

25 aprile, la riflessione di Marco Di Marzio

AttualitàCittàCronacaOspiti

Civitavecchia, il 5 Stelle incontra Confcommercio: "Confronto positivo"

AttualitàCittàCronacaOspiti

Cerveteri, 15anni di UNESCO: la Soprintendente Eichberg inaugura il ciclo di iniziative

AttualitàCittàNotizie

Ladispoli, tutto pronto con la seconda tappa di Space in Action

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.

Leggi online
BARAONDA NEWS

SFOGLIA LA RIVISTA
close-link
Sfoglia la rivista