fbpx
CittàNotiziepolitica

Elezioni, la lista art.14 rischia di essere un’arma a doppio taglio

30 Condivisioni

Il candidato sindaco di Civitavecchia per il centrosinistra presenta una lista composta da persone con autismo severo

Elezioni, la lista art.14 rischia di essere un’arma a doppio taglio –

di ALESSANDRO FERRI

Il candidato sindaco di Civitavecchia per la coalizione di centrosinistra, Carlo Tarantino, ha presentato ufficialmente le liste a suo sostegno e tra le tante, ce n’è una che merita particolare attenzione: si tratta della lista “Art.14”, composta da sole persone con autismo e che si rifà all’articolo 14 della legge 328/2000, che garantisce diritti e sostegno ai ragazzi affetti da questo disturbo.

Il capolista della lista è Alfredo Tarantino, figlio del noto medico, affetto da autismo.

Un ragazzo che lotta ogni giorno per avere la sua indipendenza anche e soprattutto grazie all’impegno continuo di una famiglia da sempre dedicata a lui e impegnata nel sostenerlo.

Carlo Tarantino, come detto, ha il grande merito di mettere il cuore nell’aiutare non solo suo figlio, ma anche tutti i familiari dei ragazzi autistici, che necessitano spesso di terapie ad hoc o di semplici passatempi quali il giardinaggio o lo sport, vuoi per predisposizione naturale, vuoi perché la situazione lo tocca da vicino, ma questo non può essere un alibi e il fatto che la lista possa concorrere alla prossima tornata elettorale nasconde numerose insidie che probabilmente sono state sottovalutate.

In primo luogo, gettare nell’agone politico dei ragazzi che hanno delle difficoltà di relazione è impensabile, perché mette in difficoltà i candidati di “Art.14”, che ricordiamo, necessitano di sostegno continuo dato l’autismo “severo” (citazione testuale dal comunicato abbastanza sensazionalistico che gira su numerose testate) che li affligge.

Inoltre, la democrazia partecipata prevede che questi ragazzi siano eleggibili, il che è sacrosanto, ma davvero siamo sicuri che un ragazzo con queste difficoltà possa sostenere i ritmi frenetici di un’amministrazione o di un consiglio comunale, in maggioranza quanto in opposizione?

In ultima analisi, riunire dei ragazzi affetti da autismo severo in un’unica lista sa tanto di ghettizzazione ulteriore, piuttosto che di inclusione. I ragazzi condividono valori e posizioni ideologiche simili, o hanno solo una diagnosi ad accomunarli?

Questa decisione dunque sembra più un tentativo di spot elettorale sghembo e abbastanza illogico che una seria presa di posizione, la presa di posizione che si pensava dovesse arrivare da un professionista stimato e generoso come Carlo Tarantino, che stavolta ha battuto un colpo a vuoto, tentando (si spera) di andare otre la propaganda più spietata.

30 Condivisioni

Anche tu REDATTORE!

Inviaci in tempo reale foto, video, notizie di cronaca, curiosità, costume.

Ti trovi nel mezzo di un incidente? Fotografa la situazione e manda due righe alla redazione, chiedendo se vorrai essere citato oppure no all'interno dell'articolo come autore. Invia il tuo materiale a baraonda.giornale@gmail.com oppure raggiungici tramite whatsapp a questo numero 3472241340.

Grazie a questa rete di comunicazione baraondanews sarà in grado di fornire ancora più informazioni utili ai propri lettori. Insieme faremo un giornale ancora più potente ed efficace. 

Post correlati
NotizieSport e Salute

L'ASD Volley Ladispoli ritira la squadra dal campionato di Serie B2

Notizie

Cerveteri, attivato servizio per allerta meteo

Notizie

Maltempo, innalzata l'allerta meteo

Notizie

Niente passaggio di proprietà, stop a sei scuolabus

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.

Leggi online
BARAONDA NEWS

SFOGLIA LA RIVISTA
close-link
Sfoglia la rivista
Hai bisogno di aiuto?