fbpx
Notizie

Educazione alla legalità al cinema moderno di Cerveteri: La Paranza dei Bambini

Il racconto

Educazione alla legalità al cinema moderno di Cerveteri: La Paranza dei Bambini

Educazione alla legalità al cinema moderno di Cerveteri: La Paranza dei Bambini – Giornata di crescita per le classi dell’ISIS Di Vittorio del corso AFM. Al cinema “Moderno” assisteranno a “La paranza dei bambini”, film vincitore dell’Orso d’Argento per la sceneggiatura e tratto dall’omonimo romanzo di Roberto Saviano. Gli sceneggiatori sono Maurizio Braucci e Roberto Saviano, il regista Claudio Giovannesi e l’ interprete principale il giovane Francesco di Napoli, nel film Nicola. Scrive Saviano, nell’introduzione del suo romanzo: ”Non sono mostri, non sono esseri marci, sono ragazzi a volte addirittura geniali, con famiglie normali. Sono ragazzi che vivono in un mondo che bara continuamente, che parla di merito laddove c’è privilegio, d’impegno laddove c’è soltanto truffa, sotterfugio”. Gli alunni si troveranno di fronte a una realtà drammatica, a una storia di adolescenze rubate, strappate, infrante, truffate sulle strade delle periferie di Napoli e dei rioni più degradati. Nel gergo camorristico “paranza” significa criminale ma il termine ha origini marinaresche e si riferisce al nome di quelle barche che vanno a caccia di pesci e li catturano ingannandoli con la luce. Come in una metaforica paranza, i protagonisti (Nicola, Tyson, Biscottino, Lollipop, O’Russ e Briato) sono tanti pesciolini che vengono attirati in una rete da tutto ciò che sembra loro brillare. Gli attori interpretano il ruolo di ragazzi accecati da guadagni troppo facili, dal pensiero di possedere oggetti firmati e alla moda, dall’idea di poter decidere anche per gli altri, di comandare, di essere il più forte. Giocano con le armi e percorrono il rione Sanità con il loro scooter. E’ breve il passo che li condurrà alla camorra. Saviano apre il romanzo da cui è tratto il film con la dedica: “Ai morti colpevoli. Alla loro innocenza”, una dedica forte, che colpisce e invita tutti a fare silenzio. E a riflettere. I ragazzi presentati nel film, attirati nelle spire della camorra, non hanno più alcun tipo di scrupolo. L’eterno dissidio tra Bene è Male è stato da loro risolto, la linea di confine è stata ormai varcata: sono ormai parte integrante, a volte inconsapevole, di quel tessuto sociale criminale nel quale sono vissuti. La vita di questi adolescenti – bambini, fragilissimi, si consuma in strada ed è in strada che essi imparano o credono d’imparare. In fondo, RobertoSaviano, dipingendo l’esistenza di questi giovanissimi, narra di una grande illusione che ha un esito drammatico. L’iniziativa di portare i nostri alunni a vedere tale film nasce nell’ambito del progetto sulla legalità fortemente sentito nel nostro Istituto.

Maria Di Carlo.

Anche tu REDATTORE!

Inviaci in tempo reale foto, video, notizie di cronaca, curiosità, costume.

Ti trovi nel mezzo di un incidente? Fotografa la situazione e manda due righe alla redazione, chiedendo se vorrai essere citato oppure no all'interno dell'articolo come autore. Invia il tuo materiale a [email protected] oppure raggiungici tramite whatsapp a questo numero 3472241340.

Grazie a questa rete di comunicazione baraondanews sarà in grado di fornire ancora più informazioni utili ai propri lettori. Insieme faremo un giornale ancora più potente ed efficace. 

Post correlati
Notizie

Brusaferro: "In Italia virus circola meno"

Notizie

A Cerveteri 500mila euro per la ciclopedonale sul Zambra, Luchetti: "Obiettivo importante"

Notizie

Ostia, rubano la borsa a una donna seduta al bar: denunciati due giovani

Notizie

Ladispoli, tutti negativi i tamponi salivari sugli studenti delle scuole sentinella

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.