fbpx
 
Cultura

Domenicalmuseo: appuntamento nell’area archeologica “Tomba delle Cinque Sedie”

Domenica 3 Marzo 2024 appuntamento culturale con il GAR e Agostino De Angelis nella “Tomba delle Cinque sedie” per la Domenicalmuseo

Domenica 3 Marzo 2024 alle ore 16.00 si realizzerà un altro appuntamento culturale dell’attore e regista Agostino De Angelis, in occasione della domenicalmuseo, iniziativa del Ministero della Cultura che consente l’ingresso gratuito, ogni prima domenica del mese, nei musei e nei parchi archeologici statali, nel suggestivo sito archeologico della Tomba delle Cinque Sedie della Necropoli Etrusca della Banditaccia a Cerveteri, organizzato dal GAR sezione Cerveteri-Ladispoli-Tarquinia e promosso dalla Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per la Provincia di Viterbo e l’Etruria Meridionale nella persona del Funzionario Responsabile di zona, la dott.ssa Rossella Zaccagnini.

L’appuntamento, una performance teatrale tratta dalla Divina Commedia di Dante Alighieri, dal titolo “La Discesa negli Inferi…dal mondo pagano a quello cristiano”: ideata dal regista con la collaborazione dell’Associazione Culturale ArcheoTheatron e dell’Academy for Theater and Cultural Heritage, sarà un viaggio nel mondo dell’oltretomba. A confronto la concezione pagana dell’aldilà del mondo antico e in particolare di quello etrusco con quello cristiano. Non a caso la scelta del luogo per la rappresentazione, la Tomba delle Cinque Sedie con la tipica piazzetta funeraria riservata alle cerimonie sacre e tombe risalenti al periodo orientalizzante.

L’evento è inserito nella IV Edizione del progetto “Sulla Strada degli Etruschi” ideato dallo stesso regista, un contenitore culturale in cui saranno realizzate diverse attività artistiche e culturali e che ha il patrocinio della Regione Lazio e Assessorato alla Cultura nella persona dell’Assessore Simona Renata Baldassarre, reso possibile per interessamento del sig. Roberto Menasci, e il patrocinio della Città Metropolitana di Roma Capitale da parte del Consigliere Antonio Giammusso.

Nella performance in cui sarà evidenziato la differenza dell’aldilà tra il mondo classico pagano, dove l’eroe discende nell’Ade, immaginato come ombra della vita terrena, per ottenere sostegno nella sua difficoltosa impresa, e quello medievale cristiano, di cui è esempio la Divina Commedia di Dante, dove i tre regni ritraggono la destinazione del cammino umano verso la fede, reciteranno Eleonora Pini, Stefano Ercolani, Simona Gennaretti, gli allievi del Corso di Cinema Santa Marinella Viva di Sonia Signoracci, Monia Marchi, Nerina Piras, Riccardo Frontoni, Andrea Vella, Riccardo Dominici, Annarita Eusepi, Filippo Soracco e Giulia Peluso al violino, e vedrà anche la partecipazione di alcuni alunni della VA dell’Istituto Comprensivo Salvo D’Acquisto di Cerveteri Emanuele Lagonegro, Denny Iacarelli, Flavio Ciobanu con la maestra Daniela Finocchiaro.

L’iniziativa è patrocinata anche da: Rivista Archeologia Viva, Firenze ArcheoFilm Festival, tourismA. L’ingresso è libero con prenotazione obbligatoria, per info e prenotazioni: 351 7411409

Post correlati
Cultura

Le greppe di Cerveteri, un’ incredibile concentrazione di resti archeologici

Cultura

Castello di Santa Severa, alla scoperta del Museo del mare e della navigazione antica

Cultura

"Profili operativi dell'amministratore di sostegno": se ne parla a Cerveteri con Aiga

Cultura

Cerveteri, in Biblioteca mostra a cura dell'associazione culturale inArte Enchanted Garden di Debbie Martin

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.