fbpx
Notizie

Controlli anti-assembramenti: sanzionati alcuni gestori della movida civitavecchiese

I controlli si sono concentrati in particolar modo nella zona del Pirgo

Controlli anti-assembramenti: sanzionati alcuni gestori della movida civitavecchiese –

Gli agenti della Polizia di Stato del Commissariato Civitavecchia, nel primo weekend dopo il lockdown hanno intensificato i controlli nelle zone della movida per verificare il rispetto delle norme sul distanziamento sociale previste dal DPCM dello scorso 17 maggio e dalla più recente Ordinanza del Sindaco.

I controlli si sono concentrati soprattutto nella zona del Pirgo, ove si erano registrati la settimana precedenti notevoli assembramenti di persone, le cui immagini sono state anche pubblicizzati dai social network.

Anche nel corso dell’ultimo fine settimana si sono di nuovo verificati assembramenti di persone soprattutto nella notte tra sabato e domenica, con la presenza di centinaia di ragazzi che hanno affollato “l’imbuto” del Pirgo , come da tradizione, nonostante l’allarme covid non sia ancora cessato.

Gli agenti del Commissariato sono stati molti impegnati nel tentativo di arginare tale fenomeno sollecitando gli avventori ed anche i titolari delle attività a rispettare le regole di prevenzione.

Il lavoro degli agenti è durato per tutta la notte fino alle prime luci dell’alba.

Numerose gli interventi effettuati anti-assembramenti e le sanzioni elevate (oltre dieci) nei confronti di coloro che si sono mostrati completamente indifferenti alle disposizioni dell’Autorità.

In particolare sono stati multati sia gli avventori sia i titolari di alcune note attività della zona per il mancato rispetto delle regole sul distanziamento sociale e per a vendita e/o somministrazione delle sostanze alcoliche oltre l’orario consentito.

Visto l’esito dei controlli si raccomanda a tutti i cittadini ed in particolare ai frequentatori della movida di rispettare le regole della distanza di un metro tra persone e dell’uso della mascherina nei luoghi chiusi ed anche all’aperto se non è possibile mantenere la giusta distanza dall’altro.

Chiunque violi tali regole, siano essi avventori siano essi titolari delle Attività di somministrazione, potrà incorrere nella sanzione pecuniaria da 400 a 1000 euro e nella chiusura immediata della attività in caso di reiterazione della violazione da parte degli esercenti

Anche tu REDATTORE!

Inviaci in tempo reale foto, video, notizie di cronaca, curiosità, costume.

Ti trovi nel mezzo di un incidente? Fotografa la situazione e manda due righe alla redazione, chiedendo se vorrai essere citato oppure no all'interno dell'articolo come autore. Invia il tuo materiale a [email protected] oppure raggiungici tramite whatsapp a questo numero 3472241340.

Grazie a questa rete di comunicazione baraondanews sarà in grado di fornire ancora più informazioni utili ai propri lettori. Insieme faremo un giornale ancora più potente ed efficace. 

Post correlati
Notizie

Lazio: ''Da Regione ok ai nidi domestici''

CittàNotizie

Cerveteri, da sabato orario continuato al Centro Comunale di raccolta

Notizie

Lazio: ''Consegnati ad Amatrice i primi 5 appartamenti ricostruiti dopo il terremoto''

Notizie

Coronavirus, 162 positivi e 13 decessi oggi in Italia

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.