AttualitàCittàCronacapolitica

Canone concordato, Barbaro (Lega): Comuni rispettino il ruolo delle associazioni in convenzione con il Ministero

Riceviamo e pubblichiamo la nota del Senatore del Carroccio

Canone concordato, Barbaro (Lega): Comuni rispettino il ruolo delle associazioni in convenzione con il Ministero –

ROMA – I contratti concordati – strumento per la concessione di locazioni abitative a canoni convenzionati, importantissimi in questo periodo di crisi – sono al centro della nuova interrogazione parlamentare del senatore della Lega Claudio Barbaro al Ministro delle Infrastrutture e dei Trasportied al Ministro dell’Economia e delle Finanze.

Secondo la norma (D.M. n.62 del 16.01.2017) contratti a canone concordato possono essere predisposti dalle parti con l’assistenza, nella definizione del canone effettivo, dalle organizzazioni di categoria di proprietari ed inquilini. La derivante attestazione di validità da parte di una delle associazioni di categoria impedirà qualsiasi contenzioso in merito alla congruità del canone e alla spettanza delle agevolazioni fiscali concesse dal contratto concordato.

Su questo punto, contrariamente a quanto previsto dalla norma i Comuni – si legge nell’interrogazione – «considerano abilitate le associazioni [di categoria] che hanno sottoscritto lo specifico accordo territoriale e non come voluto dal legislatore tutte le associazioni maggiormente rappresentative su scala nazionale firmatarie dell’accordo sottoscritto presso il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti». Una interpretazione – scrive il sen. Barbaro – «infondata perché apre le porte ad una serie di distorsioni a danno di quanti operano nell’interesse generale delle categorie. I contratti concordati dipendono dagli accordi territoriali e quindi dai parametri in essi contenuti».

Nell’interrogazione si precisa che «la convenzione nazionale del 2016 è stata sottoscritta dalle organizzazioni maggiormente rappresentative dei proprietari (Federproprietà, Confedilizia, Uppi, Appc, Asppi, Unioncasa, Confappi) e degli inquilini (Sunia, Asia-Ubs, Assocasa Ugl, FedercasaConfasal, Sai Cisal, Sicet, Uniat, Ania, Unione inquilini)» e si chiede ai Ministri di porre fine a questa incorretta interpretazione della norma attraverso una integrazione delle disposizioni in cui «stabilire tassativamente che i Comuni siano obbligati ad invitare alla trattativa e alla sottoscrizione degli accordi almeno le organizzazioni più rappresentative dei proprietari e degli inquilini individuati nelle rappresentanze che hanno sottoscritto la convenzione nazionale».

Anche tu REDATTORE!

Inviaci in tempo reale foto, video, notizie di cronaca, curiosità, costume.

Ti trovi nel mezzo di un incidente? Fotografa la situazione e manda due righe alla redazione, chiedendo se vorrai essere citato oppure no all'interno dell'articolo come autore. Invia il tuo materiale a baraonda.giornale@gmail.com oppure raggiungici tramite whatsapp a questo numero 3472241340.

Grazie a questa rete di comunicazione baraondanews sarà in grado di fornire ancora più informazioni utili ai propri lettori. Insieme faremo un giornale ancora più potente ed efficace. 

Post correlati
CronacaNotizie

Ladispoli, acqua non potabile anche per il caffè al bar

CittàNotizie

L’Equipaggio delle Frecce Tricolore ospite dell’Hotel Villa Margherita

AttualitàCittàNotizie

Cerveteri, Acea ripara il guasto al contatore

CittàCronacaNotizie

Picchia e rapina due giovani in strada: in manette

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.

Leggi online
BARAONDA NEWS

SFOGLIA LA RIVISTA
close-link
Sfoglia la rivista