fbpx
 
InformasaluteSport e Salute

Come riconoscere un tumore della cute?

Melanoma maligno: come orientarsi se abbiamo il sospetto di riconoscere un tumore della cute.

Rubrica di informazione a cura del Prof. Aldo Ercoli

Riconoscere un tumore della cute non è facile ma neppure impossibile tenendo in considerazione alcune cose.

Il melanoma maligno è quello più pericoloso perché metastatizza facilmente portando ad una prognosi sfavorevole.

Il basalioma invece la forma di neoplasia cutanea più comune.

Quello che è meno frequente è il carcinoma spinocellulare che ha però una maggior probabilità di dare metastasi rispetto al basalioma.

Chi sono i soggetti più predisposti a questi tumori della cute?

Tutti colori che hanno geneticamente una carnagione chiara e che si espongono a lungo al sole, ai raggi ultravioletti (UV). 

Nel melanoma poi vi è un’anamnesi familiare positiva. È importante anche la presenza di un nevo congenito gigante e la sindrome displasica nevica (malattia congenita con nevi multipli e melanomi cutanei).

Come riconoscere un tumore della cute?
Il dott. Aldo Ercoli

Per quanto concerne la prevenzione è utile l’impiego dei filtri solari che riducono il rischio nel basalioma mentre non sono di provata efficacia nel melanoma. 

Qual è l’aspetto del melanoma maligno? Il melanoma può presentarsi sotto quattro forme cliniche.

Quella più comune è il melanoma a diffusione superficiale, cresce in senso radiale prima di diffondersi.

La crescita radiale è molto più lunga prima della diffusione nel melanoma su lentigo maligna (efelide melanotica di Hutchinson). 

Si tratta di una lesione molto più frequente nei soggetti anziani che colpisce soprattutto le zone esposte al sole. Pur essendo l’incidenza del melanoma molto bassa nei soggetti di colore, la forma lentigginosa acrale è quella che si riscontra più comunemente nei pazienti di carnagione scura. È chiamata acrale perché si manifesta a livello delle palme delle mani e delle piante dei piedi; ma anche sulle mucose o sulle giunzioni mucocutanee e talvolta sotto le unghie. Rassomiglia al melanoma su lentigo maligno ma biologicamente è più aggressivo. 

L’ultima delle quattro forme del melanoma maligno è quella nodulare, in genere la più invasiva, la più rapida di tutte.

Qual è il quadro clinico?

Le lesioni devono essere scure (pigmentate), raramente sono senza melanina.

Il colore poi è variabile, oltre a quello più comune marrone o nero talvolta, più raramente, può essere di colore rosso, blu o persino bianco.

Sono importanti le sue dimensioni. Fortemente sospette sono le lesioni cutanee di grandi dimensioni (>6 mm), asimmetriche (di forma non rotonda né quadrata).

La superficie poi presenta dei bordi irregolari ed entrambi manifestano dei cambiamenti di colore. Tutto ciò fa pensare al melanoma maligno.

Pertanto l’approccio migliore è il riconoscimento precoce con l’escissione della malattia quando è ancora localizzata, con bordi poco rilevati ed ispessiti.

L’importante se si crede di riconoscere un tumore della cute

Per conoscere come riconoscere un tumore della cute e le altre ricerche del Prof. Ercoli, la sua pagina social. Per seguire la Rubrica Salute di Baraondanews a cura dei professionisti del territorio vai su questa pagina.

Post correlati
CittàSport e Salute

Pattinaggio Velocità: Debby Roller Team sugli scudi al Campionato Regionale su pista

CittàSport e Salute

L'Under 19 del Cerveteri a un passo dalla vittoria del campionato

CittàSport e Salute

Runner, Cerveteri sul podio nelle gare di Colleferro

CittàCronacaSport e Salute

Villa Bike School di Ladispoli: 3 ragazzi accedono al meeting nazionale

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.