fbpx
CittàNotizie

Civitavecchia, il metano a TVN migliore soluzione per Fare Verde

1 Condivisioni

L’Associazione ambientalista spiega perché non è contraria alla conversione proposta da Enel

Civitavecchia, il metano a TVN migliore soluzione per Fare Verde –

Torre Valdaliga Nord è al centro del dibattito ambientalista da sempre: ora con la proposta di Enel di conversione carbone-metano, tornano alla ribalta alternative meno inquinanti.

Sono state tante le voci che hanno chiesto di convertirla in una centrale all’idrogeno.

L’unica voce fuori dal coro è stata Fare Verde, associazione ambientalista di Civitavecchia che, come dice in una nota “ha il polso della situazione”.

Fare Verde è favorevole alla conversione a metano e ne spiega i motivi, punto per punto, basandosi su uno studio specifico richiesto in estate all’ingegner Daniele Mioni.

“Non ci siamo opposti alla transizione verso il gas naturale, ma l’abbiamo auspicata come segnale di passaggio a fonti sempre meno inquinanti”, scrivono.

Aggiungono che non sono contrari alla tecnologia dell’idrogeno, ma che non la vedono una soluzione praticabile in tempi brevi.

“L’idrogeno, infatti, presenta problemi che vanno dall’approvvigionamento dovuto alla produzione italiana troppo bassa, al trasporto, fino alla sicurezza dello stoccaggio che a oggi è contenibile solo in “bombole” altamente pressurizzate”.

La centrale elettrica di Civitavecchia fornisce il 4,5% della produzione elettrica italiana e attualmente genera una potenza di 1980 Mega-watt.

Con questi numeri, per Fare Verde, diventa difficile convertirla in idrogeno ed eguagliarne le prestazioni.

Anche le proposte di solare ed eolico sembrano difficili da realizzare, soprattutto a causa dei grandi spazi che sarebbero necessari.

Infine per l’Associazione anche i tempi di conversione hanno il loro peso: una conversione in idrogeno, dicono, costringerebbe a sostituire il motore stesso della centrale e molte componenti interne.

Una soluzione che quindi la vedrebbe chiusa per parecchio tempo, con tutte le conseguenze occupazionali che ne deriverebbero.

La conversione in metano, avrebbe invece un impatto differente.

“Non siamo folli a volere il metano, abbiamo semplicemente il polso della situazione e sappiamo che inquinare meno è meglio di far chiudere la centrale, con tutte le conseguenze economiche, sociali e produttive che ne conseguiranno”, concludono i volontari di Fare Verde.

1 Condivisioni

Anche tu REDATTORE!

Inviaci in tempo reale foto, video, notizie di cronaca, curiosità, costume.

Ti trovi nel mezzo di un incidente? Fotografa la situazione e manda due righe alla redazione, chiedendo se vorrai essere citato oppure no all'interno dell'articolo come autore. Invia il tuo materiale a [email protected] oppure raggiungici tramite whatsapp a questo numero 3472241340.

Grazie a questa rete di comunicazione baraondanews sarà in grado di fornire ancora più informazioni utili ai propri lettori. Insieme faremo un giornale ancora più potente ed efficace. 

Post correlati
CittàCronaca

"Il mare d'inverno", a Civitavecchia spiaggia e fondali tornano a brillare

CittàCronaca

Santa Marinella, anziana ha un malore in casa. Elitrasportata al Gemelli

Notizie

Il covid dà una tregua: oggi 2 positivi a Ladispoli e 2 a Cerveteri

CittàCronaca

Cerveteri, il maltempo non ferma il 'Plastic Blitz'

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.