fbpx
Notizie

Cerveteri, pochi vigili del fuoco e con mezzi inadeguati

37 Condivisioni

L’allarme lanciato da Gabriele Fargnoli

Gabriele Fargnoli, vice capo squadra responsabile per le relazioni esterne della Federazione nazionale sicurezza Cisl

Cerveteri, pochi vigili del fuoco e con mezzi inadeguati – Si prospetta una vita sempre più dura per i vigili del fuoco di Marina di Cerveteri alle prese con mille difficoltà. Una situazione ben descritta anche in un articolo riportato oggi sul “Il Messaggero”.

“Questi uomini – afferma Gabriele Fargnoli, vice capo squadra responsabile per le relazioni esterne della Federazione nazionale sicurezza Cisl – coprono il litorale nord con pochi uomini, il loro parco veicoli ha più di 30 anni e sono ancora sprovvisti dell’autoscala per gli interventi delicati.

Un’autoscala si trova a Civitavecchia e un’altra a Ostia, perciò sempre a 30 chilometri di distanza. Il ministero la dovrebbe mettere a disposizione in un comprensorio così vasto. Finora le richieste non sono state considerate.

Questi pompieri – prosegue Fargnoli – coprono un territorio costituito di 200mila abitanti da Santa Marinella a Focene, includendo Ladispoli, Cerveteri e in alcune occasioni anche Bracciano. La media annuale degli interventi supera quota duemila, ma non sempre con gli strumenti necessari.

Senza autoscala è impossibile intervenire ai piani più alti di un edificio per domare le fiamme o effettuare un salvataggio in una palazzina. In una situazione del genere non si potrebbe neanche salvare un gatto su di un albero e mettere in sicurezza rami pericolanti.

Sos per il personale, – spiega inoltre Fagnoli – costituito di circa soli 30 uomini a disposizione. In alcuni periodi è introvabile una storica figura come il piantone e così quando una squadra di turno esce per una chiamata improvvisa, la caserma ubicata in Via Fontana Morella resta chiusa.”

Sull’argomento sono insorti i sindacati. «Questa organizzazione del soccorso – accusa Riccardo Ciofi, segretario regionale Cisl – non riesce a garantire alla cittadinanza un sistema integrato di sicurezza e soccorso che permetta una organizzazione capillare e tempestiva. In primo luogo la questione della carenza di organici è prioritaria: l’attuale ripartizione di uomini del Dipartimento non consente di ampliare e potenziare le sedi. Mancano almeno 200 pompieri solo a Roma e provincia».

L’assenza dell’autoscala a Cerveteri preoccupa. Se scoppiasse un incendio a Ladispoli e un altro a Focene dovrebbe partire una squadra da Roma, in barba alla rapidità del soccorso.

«La mancanza di un’autoscala può rivelarsi fatale – aggiunge Riccardo Ciofi – nel caso in cui si renda impellente il salvataggio di chi abita in un attico, e comunque fuori dalla portata di un mezzo operativo standard. Ci batteremo infine per un presidio fisso a Fiumicino, proprio a sottolineare la necessità da Ostia fino a Civitavecchia».

37 Condivisioni

Anche tu REDATTORE!

Inviaci in tempo reale foto, video, notizie di cronaca, curiosità, costume.

Ti trovi nel mezzo di un incidente? Fotografa la situazione e manda due righe alla redazione, chiedendo se vorrai essere citato oppure no all'interno dell'articolo come autore. Invia il tuo materiale a [email protected] oppure raggiungici tramite whatsapp a questo numero 3472241340.

Grazie a questa rete di comunicazione baraondanews sarà in grado di fornire ancora più informazioni utili ai propri lettori. Insieme faremo un giornale ancora più potente ed efficace. 

Post correlati
Notizie

Santa Marinella, D'Emilio: "Al lavoro per lo sviluppo turistico della città"

Notizie

Fiumicino, Anselmi: "Lavoratrici della Venchi, incontro con l'azienda per conoscere il loro futuro"

Notizie

Un cittadino di Ladispoli nel nuovo film "La vita davanti a sé", con Sophia Loren protagonista

Notizie

Dpcm Natale: vietati gli spostamenti tra Regioni anche se in zona gialla e scuole riaperte solo dopo il 7 gennaio

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.