fbpx
 
CittàCronaca

Cerveteri, i Massari e la festa di Sant’Antonio

“Omini e bestie siamo tutti figli della stessa terra”

Cerveteri, i Massari e la festa di Sant’Antoniodi Angelo Alfani

I Massari caeretani sono una Associazione di volontari tra le più antiche in Terra cervetrana , che, da alcuni decenni, si onora di organizzare la festa di sant’Antonio Abate. La tradizione di onorare il diciassette di Gennaio il santo eremita, lottatore per eccellenza contro le insidie del maligno, il santo protettore degli animali , viene fatta risalire al 1712, addirittura un ventennio prima.

I festeggiamenti si aprono nella mattinata con la Santa Messa a Sant’Antonio nella chiesetta alla Boccetta. Nel primissimo pomeriggio adunata massara alla Cuppoletta con accensione del fuoco, a cui seguirà accompagnamento della Statua del Santo assieme alla Confraternita del SS. Sacramento per le vie del paese.

Al rientro della processione, dalla loggia del piazzale a mattoncini rossi della chiesetta, già di San Salvatore, dedicata al santo anacoreta nella metà del Settecento, si dà inizio alla benedizione di “omini e bestie”.

Il laterizio a spina di pesce, inverdito dal velluto, ostenta l’usura degli anni, mentre le pietre di templi antichi, incastrate a sostegno di nuove case o a difenderne gli spigoli, sanno di terra materna. Accarezzarle conforta e riscalda l’anima. Al termine della benedizione all’imbrunire,in piazza santa Maria, verranno distribuiti, come consuetudine, panini a porchetta e bevande. Una festa vera, popolare.

Cerveteri, i Massari e la festa di Sant'Antonio
Cerveteri, i Massari e la festa di Sant’Antonio

I Massari, nello spirito di testimoni della tradizione, di sentinelle del territorio, hanno ridato vita alla Cuppoletta votiva dedicata al Santo eremita, accanto alla porta etrusca che immetteva alla città, non distante dal più antico convento di frati Agostiniani. Ricavata da una tomba degli avi, posta sopra lo sperone tufaceo che apre alla valle della Mola è stata per decenni uno dei luoghi simbolo del rapporto privilegiato tra i cervetrani ed il Santo del deserto.

Cerveteri, i Massari e la festa di Sant’Antonio

Un luogo “povero”, privo di ostentata ricchezza e del sovrabbondante, ma denso di significato per i compaesani che vi sostano in preghiera o semplice contemplazione, pregno di emozioni che scuotono l’ anima. Un luogo caduto nella dimenticanza e che l’opera dei Massari ha contributo a far rivivere, nelle coscienze della comunità, come sosta ascetica e ristoro spirituale.

Con identico entusiasmo i Massari decisero di essere fattivamente compartecipi della raccolta fondi per il restauro della pregiata statua lignea del Santo e, con altrettanta convinzione, sono stati presenti alle manifestazioni popolari contro ogni stupro del territorio dono del Creatore e quindi sacro. Hanno partecipato, sempre in prima fila, alle adunate di popolo a difesa della natura con la convinzione di voler salvaguardare quanto poco è ancora intatto dell’autentico Eden in cui ci è stato concesso di spendere l’umano tempo.

I Massari , nella consapevolezza che la Comunità cervetrana sta vivendo un periodo dei più difficili della sua storia, confidano che ogni loro iniziativa avrà il sostegno fattivo della collettività.

Per questo, in occasione della celebrazione, i Massari invocheranno la Benedizione particolare di sant’Antonio e del santo patrono l’Arcangelo Michele per l’intera comunità, maggiormente per la parte più debole e sofferente.

Post correlati
CittàSalute

Prevenzione del tumore al colon retto: kit diagnostici anche presso le farmacie comunali di Cerveteri

CittàNotizie

"Lei ha i requisiti per recuperare 715 euro di tasse", ma è una truffa

CittàSport

Ladispoli, Gabbiano Calcio: un progetto ambizioso che continua a crescere

CittàCronacaNotizie

Incendio Santa Marinella, continuano le operazioni di bonifica

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.