fbpx
CittàNotizie

Cerveteri, diffamazione su vicenda Cafire. L’ex Sindaco Ciogli: “Perché Pascucci non rinuncia alla decadenza dei termini?”

25 Condivisioni

La vicenda del 2012 riguarda manifesti con il logo di Governo Civico in cui 11 cittadini veniamo citati come “indagati”

Cerveteri, diffamazione su vicenda Cafire. L’ex Sindaco Ciogli: “Perché Pascucci non rinuncia alla decadenza dei termini?”

È ormai caduta in prescrizione la denuncia per diffamazione nei confronti dell’attuale sindaco di Cerveteri, Alessio Pascucci, a opera di alcuni dei protagonisti della vicenda Cafire.

L’udienza che si sarebbe dovuta svolgere nei giorni scorsi, e dove sicuramente il giudice avrebbe annunciato la prescrizione è slittata al 25 novembre prossimo.

IL FATTO.

La vicenda risale al 2012 e ha come protagonisti alcuni manifesti con il logo di Governo Civico Cerveteri, movimento a sostegno dell’attuale amministrazione cerite, dove venivano citati i nomi di alcune persone, tra cui quello dell’ex sindaco di Cerveteri, Gino Ciogli, con la parola “indagati”.

Alcuni di loro, tra cui proprio l’ex sindaco decisero di presentare una denuncia per diffamazione. Ma ora il tutto rischia di andare in prescrizione a meno che il primo cittadino in persona non decida di rinunciarvi e andare avanti.

Cerveteri, diffamazione su vicenda Cafire. L’ex Sindaco Ciogli: “Perché Pascucci non rinuncia alla decadenza dei termini?”

“Mentre Moretti delle Ferrovie ha rinunciato alla decadenza dei termini, perché Pascucci non lo fa?”.

La domanda provocatoria indirizzata al sindaco Pascucci, è di Gino Ciogli.

“La vicenda risale al 2012 – ha raccontato – quando fu affisso un manifesto di Governo Civico che diffamava me e altre 11 persone dicendo che era stata fatta giustizia”.

Manifesti affissi in una location dove Pascucci stava tenendo una conferenza stampa ma di cui, davanti alle forze dell’ordine ne ha disconosciuto la paternità affermando peraltro di non sapere né chi li avesse commissionati, tantomeno chi li avesse affissi.

Ma per Ciogli si tratta di dichiarazioni mendaci tanto che ha già dato mandato ai suoi legali di procedere con una nuova denuncia in tal senso insieme ad un’altra delle persone citate in quel manifesto “affisso abusivamente e che non riportava – ha sottolineato Ciogli – nemmeno il timbro della tipografia. E questo costituisce un illecito”.

Obiettivo dell’ex sindaco etrusco è quello di ottenere giustizia per quanto subito in questi anni dopo la denuncia di Pascucci che aprì il caso Cafire e che portò alla condanna di alcuni degli indagati e che proseguì con l’affissione di quel manifesto.

25 Condivisioni

Anche tu REDATTORE!

Inviaci in tempo reale foto, video, notizie di cronaca, curiosità, costume.

Ti trovi nel mezzo di un incidente? Fotografa la situazione e manda due righe alla redazione, chiedendo se vorrai essere citato oppure no all'interno dell'articolo come autore. Invia il tuo materiale a [email protected] oppure raggiungici tramite whatsapp a questo numero 3472241340.

Grazie a questa rete di comunicazione baraondanews sarà in grado di fornire ancora più informazioni utili ai propri lettori. Insieme faremo un giornale ancora più potente ed efficace. 

Post correlati
Cittàpolitica

Partito Democratico, Montino: “Tutta la mia solidarietà a Nicola”

Città

Cerveteri diventa un comune AISM nella lotta alla sclerosi multipla

ItaliaNotizie

Coronavirus, in Italia quasi 2.500 persone in terapia intensiva

Notizie

Coronavirus, nel Lazio diminuiscono i decessi, ma aumentano i casi

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.