fbpx
Notizie

Beirut, due esplosioni devastano il porto

9 Condivisioni

Almeno 30 morti e 2.500 feriti. Secondo le prime ricostruzioni, si è trattato di un incidente in un magazzino che stoccava nitrato di sodio, materiale usato per ordigni esplosivi e sequestrato un anno fa. Danneggiati diversi edifici, panico tra la gente. Ferito in modo non grave anche un militare italiano dell’Unifil. Il presidente libanese Aoun ha proclamato per domani una giornata di lutto nazionale.

Beirut, due esplosioni devastano il porto – Tragico disastro in Libano. Due potenti esplosioni hanno devastato il porto di Beirut, travolgendo nell’onda d’urto persone, veicoli ed edifici. Il bilancio provvisorio comunicato dal ministro della Salute, Hassan Hamad, parla di almeno 50 morti e 2.750 feriti. E si diffonde il timore per la nube tossica provocata dall’incendio di sostanze chimiche. 

Tra i feriti c’è un militare del contingente italiano dell’Unifil, in modo non grave; altri sono sotto osservazione perché in stato di choc.

I danni provocati dalle deflagrazioni sono ingenti. Diverse persone sono intrappolate sotto le macerie degli edifici distrutti dalle esplosioni. 

Secondo quanto reso noto da una fonte della sicurezza, le deflagrazioni sarebbero scaturite da “un carico di nitrato di sodio” sequestrato un anno fa e tenuto nel magazzino. Il nitrato di sodio viene usato in composti esplosivi.

L’esplosione

L’onda d’urto ha investito un’estesa area della città, danneggiando diversi edifici e provocando il panico tra la gente. 

Gli ospedali della capitale sono al collasso. La Croce Rossa Libanese ha rivolto un appello urgente per chiedere sangue, “tutti i tipi di sangue”. Sono stati attivati centri di raccolta in tutto il Paese.

La Croce rossa libanese ha precisato che sono “più di 30 le nostre squadre che stanno rispondendo all’esplosione”. Sul proprio account Twitter ha lanciato un appello perché siano lasciate libere le strade per il passaggio delle ambulanze.

Secondo quanto riferisce su Twitter la corrispondente del quotidiano emiratino The National, Joyce Karam, una delle due deflagrazioni avrebbe avuto luogo nelle vicinanze della residenza dell’ex primo ministro Saad Hariri. 

Il presidente Michel Aoun ha convocato per questa sera una “riunione urgente” del consiglio superiore della Difesa.

Fonti politiche israeliane hanno affermato che “Israele non è coinvolto” nell’esplosione.

La Farnesina, attraverso l’Unità di crisi e l’ambasciata in Libano, si è attivata per prestare ogni possibile assistenza ai  connazionali presenti nel Paese e continua a monitorare la situazione. Lo riferiscono fonti del ministero degli Esteri.

Diversi media ricordano che il Tribunale speciale dell’Onu sull’assassinio dell’ex premier Rafik Hariri – padre di Saad – debba a breve emettere il suo verdetto. I quattro imputati, in contumacia, sono membri delle  milizie sciite filo iraniane di Hezbollah, che hanno sempre negato di  avere avuto un ruolo nella morte dell’ex premier.

Poco prima, sempre a Beirut, erano scoppiati scontri tra le forze di sicurezza libanesi e i manifestanti scesi in piazza nei pressi del ministero dell’Energia per protestare contro le interruzioni di energia elettrica che possono durare fino a 20 ore. Stando a quanto riportato dai media libanesi, i dimostranti hanno marciato verso il ministero per protestare contro la “corruzione e anni di malgoverno” e gli scontri sono scoppiati quando gli agenti hanno cercato di allontanarli.

Il Libano sta attraversando la peggiore crisi economica dai tempi della guerra civile. Ieri, il ministro degli Esteri Nassif Hitti si è dimesso ammonendo sul rischio che il Paese stia diventando “uno Stato fallito”, deplorando “l’assenza di una reale volontà di intraprendere una riforma strutturale e totale, necessaria e richiesta dalla nostra società e dalla comunità internazionale”. Hitti era membro del governo nato alla fine di gennaio, dopo le dimissioni di Saad Hariri e del suo esecutivo causate dalle proteste di piazza.

Il video della terribile esplosione a Beirut

Gepostet von Baraondanews.it am Dienstag, 4. August 2020
9 Condivisioni

Anche tu REDATTORE!

Inviaci in tempo reale foto, video, notizie di cronaca, curiosità, costume.

Ti trovi nel mezzo di un incidente? Fotografa la situazione e manda due righe alla redazione, chiedendo se vorrai essere citato oppure no all'interno dell'articolo come autore. Invia il tuo materiale a [email protected] oppure raggiungici tramite whatsapp a questo numero 3472241340.

Grazie a questa rete di comunicazione baraondanews sarà in grado di fornire ancora più informazioni utili ai propri lettori. Insieme faremo un giornale ancora più potente ed efficace. 

Post correlati
Notizie

Cerveteri, manca l'acqua nella parte alta della città. Intervento in corso

Notizie

Cena, incontro sindaco-mamme: si va verso il trasferimento al Quartaccio

Notizie

Coronavirus, da domani via ai tamponi rapidi nelle scuole

Notizie

Nubifragio sul territorio, scarsa visibilità sulle strade principali

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.