fbpx
 
Notizie

“Acqua Ladispoli, affossato l’emendamento dei 5 Stelle in Regione”

Il consigliere Porrello aveva presentato un documento per vincolare il passaggio ad Acea all’applicazione di una legge regionale sul riordino degli ambiti territoriali. I grillini di Ladispoli sulla manifestazione per l’acqua pubblica: “Più che manifestazione si doveva parlare di funerale”

“Acqua Ladispoli, affossato l’emendamento dei 5 Stelle in Regione” –

“Più che di manifestazione si doveva parlare di funerale”. Questo il commento del 5 Stelle ladispolano alla manifestazione per l’acqua pubblica di sabato scorso.

Manifestazione che ha visto una scarsa partecipazione da parte della città, come sottolineato dallo stesso primo cittadino Alessandro Grando.

Manifestazione che non avrebbe impedito certamente il passaggio ad Acea Ato2, con tutte le conseguenze negative che questo comporterà (a cominciare da un innalzamento delle bollette stimato intorno a un +40’%), ma che avrebbe voluto mantenere alta l’attenzione sul problema del servizio idrico e soprattutto che come obiettivo aveva quello di stoppare la decisione della Regione Lazio di procedere al commissariamento del servizio idrico ladispolano che impedirebbe alla città di contrattare i termini del passaggio con la stessa Acea.

I grillini, inoltre, avevano riposto le loro speranze, per bloccare il passaggio alla Spa, nell’emendamento presentato in Regione Lazio dal consigliere regionale 5 Stelle, Devid Porrello.

Emendamento che avrebbe vincolato il passaggio ad Acea all’applicazione di una legge regionale sul riordino degli ambiti territoriali.

Ma a quanto pare “la giunta Zingaretti – hanno denunciato i 5 Stelle – ha pensato bene di affossare l’emendamento”.

Il gruppo consiliare pentastellato torna poi a puntare i riflettori sulle responsabilità politiche di quanto sta accadendo oggi (la privatizzazione del servizio).

Responsabilità che si possono attribuire sia a destra che a sinistra senza alcuna eccezione.

“Oggi siamo costretti a consegnare il nostro servizio idrico integrato ad Acea Ato2, possiamo ringraziare equamente tanto la sinistra che la destra locale di quegli anni”.

“Adesso le uniche speranze di un miracolo stile ‘lazzaro’ sono legate al buonsenso dei parlamentari di destra e sinistra, e questo miracolo consisterebbe nello smettere di affossare la proposta di legge del Movimento 5 Stelle che recepisce interamente le richieste di ripubblicizzazione della gestione delle acque in Italia, così come era stato espresso dalla maggioranza dei cittadini italiani dopo il referendum del 2011”.

“Chiediamo dunque alle forze politiche presenti sabato, di dimostrarci con atti concreti, in parole povere in votazioni parlamentari, la loro effettiva contrarietà alla gestione privatistica dei beni comuni”.

“Riusciranno i nostri eroi? I nostri già lo stanno facendo, non lasciateci soli come Leonida alle termopili. Ai funerali, il M5S preferisce le battaglie”.

Post correlati
Notizie

Santa Marinella, boom di turisti e giovani affollano le spiagge nel weekend

Notizie

Cerveteri, Gubetti primo Sindaco donna nella storia della città: tutti i dati del ballottaggio 2022

Notizie

Ladispoli, stasera primo Consiglio comunale del secondo mandato Grando

Notizie

Meteo: caldo in intensificazione, tra qualche giorno temperature fino a 45°C

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.