fbpx
 
CittàNotizie

Vannini, la vicina dei Ciontoli: ”Mi sento in colpa per non aver capito ciò che stavo sentendo”

Rivelazioni choc a ‘Le Iene’. Spunta una nuova testimonianza

Vannini, la vicina dei Ciontoli: ”Mi sento in colpa per non aver capito ciò che stavo sentendo” –

A parlare a le Iene, intervistata da Giulio Golia, è Maria Cristina. Lei vive sotto la famiglia Ciontoli e parla per la prima volta: non è stata mai ascoltata dalla forze dell’ordine nè dai giornalisti.

“Sono stata vent’anni sotto una famiglia di assassini”, esordisce così l’ex vicina della famiglia di Antonio Ciontoli.

“Per 20 anni ho vissuto lì: tutti belli bravi e invece si sono rivelate persone cattive. Ho avuto diverse discussioni con Antonio Ciontoli per il mio cane che ha minacciato più volte di uccidere. Lui, continua Maria Cristina, è sempre stato cattivo anche con la moglie. Parcheggiava la sua macchina nera del lavoro sempre davanti al cancello, ma quella volta non c’era.

Ho un rimorso terribile verso la famiglia Vannini. Se avessi capito che il figlio urlava così perché stava morendo sarei intervenuta. Ho un rimorso grande. Non si era capito fosse una pistola. Ricordo che Martina era gelosa da morire e a volte si sentivano litigare. Quella sera alle 19.30 ho incontrato Marco: era lì per vedere giocare la Roma. Quando vedevano le partite mangiavano sempre fuori. Quella volta la voce di Antonio non posso dire di averla sentita. Forse non c’era?”.

Maria Cristina racconta a Golia che prima dello sparo sente voci un discutere. Ciò confermerebbe quanto detto dagli altri vicini, i Liuzzi.

“Ho sentito prima un botto e poi un soffio, ricorda Maria Cristina. Non mi ha fatto pensare a una pistola. Dopo silenzio e un saliscendi per le scale, molto movimento”.

 foto Le Iene

Post correlati
AttualitàCittàCultura

Caere: quando una grande metropoli si perde nella nebbia della Storia. Ovvero il legame indissolubile tra la città dei vivi e la città dei morti

Notizie

Il prossimo 5 febbraio 2023 autovelox su A12 Roma-Civitavecchia

Città

Civitavecchia, l'assessore Napoli: "Un tavolo inclusivo al Parco della Resistenza"

Città

Santa Marinella, prorogate al 2033 le concessioni demaniali marittime in scadenza

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.