fbpx
Notizie

Una onlus in nome di Marco Vannini per continuare ad aiutare i giovani

E’ il progetto di mamma Marina e papà Valerio

Una onlus in nome di Marco Vannini per continuare ad aiutare i giovani –

Una onlus per continuare a fare vivere Marco per sempre. E’ il progetto di mamma Marina e papà Valerio per far sì che Marco e la sua storia non vengano mai dimenticati e soprattutto per dare una mano concreta ai giovani che ne hanno bisogno.

A dirlo è stato proprio mamma Marina in una intervista a Romafanpage.

Mamma Marina e papà Valerio finalmente possono iniziare a sbarazzarsi di quel peso che per cinque anni li ha accompagnati notte e giorno.

“Per cinque anni abbiamo sempre sostenuto che in quella casa c’era stato un omicidio volontario” e con la sentenza della Corte d’Appello bis questo è stato dimostrato per i genitori di Marco.

“Secondo me era inaudito sentire che era un colposo perché Marco era sopravvissuto 4 ore dopo lo sparo”.

Per mamma Marina la famiglia Ciontoli non ha ancora capito “che cosa hanno fatto e forse con una pena severa se ne renderanno conto e chissà – ha detto – se uscirà la verità”.

Per i genitori di Marco non hanno importanza gli anni di carcere, l’importante è stato dimostrare la volontarietà dell’omicidio. “Gli anni di carcere – ha proseguito Valerio – è una cosa relativa. La legge prevede la giusta pena”.

E ora, dopo la sentenza dell’Appello bis, la famiglia Vannini potrà elaborare il lutto. “Siamo sempre stati pronti a batterci – ha detto Valerio – per far sì che venissero riconosciuti i diritti di Marco” e per questo “non abbiamo mai elaborato il lutto nel modo giusto”.

Ma anche se la battaglia è vinta, mamma Marina e papà Valerio non mollano. Marco è ormai diventato un “simbolo” non solo per l’Italia ma anche per l’estero. E il suo ricordo continuerà sempre a vivere. E per far sì che il nome di Marco non venga mai dedicato, quando il capitolo giudiziario sarà chiuso, l’obiettivo di questi due genitori sarà quello di fondare una onlus nel suo nome: “Il mio intento – ha concluso Marina – sarà quello di continuare ad aiutare i giovani”.

Anche tu REDATTORE!

Inviaci in tempo reale foto, video, notizie di cronaca, curiosità, costume.

Ti trovi nel mezzo di un incidente? Fotografa la situazione e manda due righe alla redazione, chiedendo se vorrai essere citato oppure no all'interno dell'articolo come autore. Invia il tuo materiale a [email protected] oppure raggiungici tramite whatsapp a questo numero 3472241340.

Grazie a questa rete di comunicazione baraondanews sarà in grado di fornire ancora più informazioni utili ai propri lettori. Insieme faremo un giornale ancora più potente ed efficace. 

Post correlati
Notizie

Campo di Mare, ritrovata carcassa di caretta caretta

Notizie

Gabbiano ferito in acqua a Torre Flavia, salvato da 3 piccole eroine

CronacaNotizie

Cerveteri, bimba di 4 anni si perde in spiaggia. Ritrovata dai balneari

CronacaNotizie

Ladispoli, bagnino mette in salvo 4 persone a Marina di San Nicola

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.