CittàCronacaNotizie

Spuntone in acqua, l’amministrazione vuole vederci chiaro

15 Condivisioni

Da approfondire la situazione in acqua nei pressi della spiaggia libera sul lungomare Regina Elena. Questa mattina Guardia Costiera e cittadini hanno rimosso una parte del pericolo

Spuntone in acqua, l’amministrazione vuole vederci chiaro –

Non un semplice spuntone di ferro, ma un blocco di cemento.

Spuntone in acqua, l'amministrazione vuole vederci chiaro
Spuntone in acqua, l’amministrazione vuole vederci chiaro

Questo quanto eliminato dal fondale, proprio a ridosso dalla riva, nella spiaggia libera sul lungomare Regina Elena.

La situazione è stata già segnalata da tempo all’amministrazione comunale e nei giorni scorsi i vigili del fuoco hanno inviato un fonogramma a palazzo Falcone.

Se bisognerà intervenire dovrà infatti farlo l’amministrazione ladispolana.

Intanto però, nonostante la segnalazione del pericolo tramite boa, nei giorni scorsi una bagnante si è fatta male a un piede.

E così questa mattina uomini della Guardia Costiera ladispolana e semplici cittadini, si sono rimboccati le maniche e hanno deciso di rimuovere il pericolo.

Un pericolo più grande rispetto al previsto.

I bagnanti sono infatti riusciti a rimuoverne solo una parte.

Un blocco di cemento armato che ora è stato posizionato sulla spiaggia.

Non è escluso che nel fondale ne siano presenti altri e che dunque il pericolo non sia scampato.

Ora l’amministrazione, come spiegato dal vicesindaco e assessore al demanio marittimo Pierpaolo Perretta, vuole vederci chiaro.

Sarà chiesto così agli uffici di analizzare nel dettaglio la situazione e magari di scandagliare anche il fondale per cercare di capire se ci siano altri blocchi di cemento posizionati sul fondo dell’acqua che possano arrecare pericolo.

Certamente a trasportarli lì, per il vicesindaco, non è stata la marea.

Ipotesi parlano di possibili residui di uno stabilimento lì presente negli anni passati.

Intenzione dell’amministrazione, dunque, ora, non è solo cercare di capire che cosa ci sia realmente nel fondale, ma anche di chi sia la responsabilità.

Una situazione per l’Assessore non semplice come si potrebbe immaginare.

Proprio come non sarà semplice ora rimuovere quel blocco di cemento posizionato sulla spiaggia.

Per il momento, in attesa dunque dei riscontri, ai bagnanti non resta che prestare attenzione.

15 Condivisioni

Anche tu REDATTORE!

Inviaci in tempo reale foto, video, notizie di cronaca, curiosità, costume.

Ti trovi nel mezzo di un incidente? Fotografa la situazione e manda due righe alla redazione, chiedendo se vorrai essere citato oppure no all'interno dell'articolo come autore. Invia il tuo materiale a baraonda.giornale@gmail.com oppure raggiungici tramite whatsapp a questo numero 3472241340.

Grazie a questa rete di comunicazione baraondanews sarà in grado di fornire ancora più informazioni utili ai propri lettori. Insieme faremo un giornale ancora più potente ed efficace. 

Post correlati
Notizie

Il premio giornalistico Piersanti Mattarella dedicato a Marco Vannini

Notizie

Provoca incidente e fugge, ritrovato in un'officina

Notizie

Roma, la Tangenziale Est verso l'abbattimento

Notizie

Fiumicino, notte tra le fiamme nella zona nord

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.

Leggi online
BARAONDA NEWS

SFOGLIA LA RIVISTA
close-link
Sfoglia la rivista