fbpx
CittàCronaca

Smascherate finte associazioni di volontariato: avevano occultato al fisco ricavi per 5 milioni di euro e impiegato lavoratori “in nero”

24 Condivisioni

Smascherate finte associazioni di volontariato: avevano occultato al fisco ricavi per 5 milioni di euro e impiegato lavoratori “in nero”

Due imprese operanti nel settore socio-sanitario che si spacciavano per “associazioni di volontariato” allo scopo di sfruttare le agevolazioni fiscali e contabili previste dalla normativa vigente, sono state smascherate dai Finanzieri del Comando Provinciale di Roma.

A finire sotto la lente delle Fiamme Gialle del Gruppo di Tivoli due enti no profit con sede alle porte della Capitale, operanti nel settore del trasporto di pazienti dializzati e dei servizi di assistenza sanitaria, che hanno omesso di dichiarare al Fisco ricavi per circa 5 milioni di euro dal 2016 al 2019.

L’esame accurato dell’atto costitutivo, dello statuto e dei libri sociali ha permesso di  appurare come le due “associazioni”,  anziché svolgere prestazioni non lucrative, si occupavano di vere e proprie attività commerciali, avvalendosi dell’opera, completamente “in nero”, di 232 persone – tra liberi professionisti e soggetti formalmente “volontari”, questi ultimi appartenenti anche ad altri enti con sede al medesimo indirizzo – per i quali è stato appurato l’omesso versamento di ritenute per quasi 200.000 euro.  

Nel corso dei controlli è emersa, inoltre, la mancanza dei requisiti per beneficiare del regime agevolativo e varie inottemperanze agli obblighi formali previsti dalla normativa nazionale e regionale.

I proventi conseguiti dalle associazioni sono stati quindi riclassificati quali reddito di impresa ai fini dell’applicazione delle imposte sui redditi e dell’IRAP, mentre alcune delle prestazioni eseguite sono state considerate imponibili ai fini IVA.

L’operazione si inquadra nella più ampia azione di contrasto della Guardia di Finanza di Roma all’economia sommersa e agli illeciti fiscali che, oltre a sottrarre risorse finanziarie allo Stato, alterano le regole del mercato e danneggiano i cittadini e gli operatori onesti.

24 Condivisioni

Anche tu REDATTORE!

Inviaci in tempo reale foto, video, notizie di cronaca, curiosità, costume.

Ti trovi nel mezzo di un incidente? Fotografa la situazione e manda due righe alla redazione, chiedendo se vorrai essere citato oppure no all'interno dell'articolo come autore. Invia il tuo materiale a [email protected] oppure raggiungici tramite whatsapp a questo numero 3472241340.

Grazie a questa rete di comunicazione baraondanews sarà in grado di fornire ancora più informazioni utili ai propri lettori. Insieme faremo un giornale ancora più potente ed efficace. 

Post correlati
Cronaca

Imbarcazione in fiamme al largo delle coste di Civitavecchia

Cronaca

Operazione "Onda Blu", scarico illecito di rifiuti: sequestrati oltre 400 mq di aree

Città

Ladispoli, approvato fino al 30% di spazio in più per i dehors

Cittàpolitica

De Angelis e Orsomando: “Pascucci show” sulla Furbara Sasso

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.