fbpx
Notizie

Scomparsa di Gianni Sagripanti, Ceripa: “Per la vittoria del derby Don Quirino suonò le campane”

33 Condivisioni

Il ricordo del tecnico che portò il Cerveteri calcio in C2

Ciao Gianni,  guardo questa foto e una profonda tristezza mi assale. Siamo rimasti in pochi ; quanto volte abbiamo scherzato sul tragico destino che la vita ha riservato a questa squadra. Invincibili in campo, capaci di portare il Cerveteri nel campionato regionale più alto, difenderne i colori in tutto il Lazio, ma fragili e impotenti di fronte a quello che ci può capitare in qualsiasi momento.   Ricordi   che passione e che gioia nel giocare le partite, che divertimento negli allenamenti.  Non avevamo rimborsi se non qualche premio partita eppure alle 15,00 tutti presenti , lasciando  il lavoro, spesso molto faticoso o lo studio. Per noi era tutto gioco ed allegria. Il calcio è stata la mia vita, e ho allenato per trenta anni consecutivi. Te l’ho ripetuto tante volte ed oggi lo dico ancora: “quanto eri bravo”. Tu eri nato per impedire il goal. Prestante, atletico, alto , agile, un carattere di ferro, eri un portiere vero e poi quelle battute tra il serio e lo scherzo che ti rendeva amico di tutti. Spesso ricordavamo quelle  giornate memorabili che non si possono dimenticare : lo spareggio con il Mentana al Sant’Anna di Roma,  il 4 a 3 con il quale battemmo i cugini del Ladispoli , primo derby dopo la divisione dei Comuni. Che festa, Cerveteri era tutta in piazza. Don Quirino suono’ a distesa le campane. Una festa che si ripeterà nella nostra città , in serie C2 ,  solo dopo lo spareggio di Terni. Ciao Gianni, o meglio Ninetta, spero proprio che potrai riabbracciare Jodice, Giggi Carlini, Beniaminio, Santangelo,Ermanno, Forcina, Pambianco, Barberino, Pizzarda, Morini, Il Roscio, Fischietto, Ramella, Baby, Raniero, Cannolicchio, Benigni e  tutti quelli che dividevano con noi quel bel vivere che ci donava il calcio. Continuate a giocare.  A tua moglie, alle tue splendide figlie, le condoglianze più sentite e come ripeto spesso possano essere di conforto le parole di Sant’Agostino. “non piangiamo per averlo perso ma rallegriamoci per averlo avuto. “  

Vincenzo Ceripa  

33 Condivisioni

Anche tu REDATTORE!

Inviaci in tempo reale foto, video, notizie di cronaca, curiosità, costume.

Ti trovi nel mezzo di un incidente? Fotografa la situazione e manda due righe alla redazione, chiedendo se vorrai essere citato oppure no all'interno dell'articolo come autore. Invia il tuo materiale a [email protected] oppure raggiungici tramite whatsapp a questo numero 3472241340.

Grazie a questa rete di comunicazione baraondanews sarà in grado di fornire ancora più informazioni utili ai propri lettori. Insieme faremo un giornale ancora più potente ed efficace. 

Post correlati
Notizie

Covid, in Italia oltre 21mila nuovi contagi

Notizie

Coronavirus, 1541 nuovi casi nel Lazio

Notizie

Coronavirus, 86 casi nella ASL RM4: 14 a Civitavecchia, 17 a Cerveteri, 24 a Ladispoli

Notizie

DPCM, la preoccupazione dei ristoratori: "Categoria colpita dal governo"

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.