fbpx
AttualitàCronaca

Roma, si inventa 16 gravidanze. Maxi truffa all’INPS

Obbligo di firma per una donna di 50 anni e il suo compagno. Utilizzava un blocchetto di certificati rubato

Roma, si inventa 16 gravidanze. Maxi truffa all'INPS
Roma, si inventa 16 gravidanze. Maxi truffa all’INPS

Roma, si inventa 16 gravidanze. Maxi truffa all’INPS

Portavano avanti una truffa all’INPS da anni: per questo il GIP di Roma ha disposto due obblighi di firma nei confronti di una donna di 50 anni e del suo compagno. La donna avrebbe completamente inventato 16 gravidanze dal 2001 e il 2018 percependo in questo modo assegni familiari per oltre 100mila euro.

A portare alla luce la vicenda i carabinieri del Nucleo Ispettorato del lavoro dopo il provvedimento del pm Carlo Villani. Per arrivare all’obiettivo la donna aveva rubato un blocchetto di certificati a una ginecologa e presentava le ‘carte’ alla Asl e al datore di lavoro, presentandosi spesso anche un ‘pancione’ finto.

Anche tu REDATTORE!

Inviaci in tempo reale foto, video, notizie di cronaca, curiosità, costume.

Ti trovi nel mezzo di un incidente? Fotografa la situazione e manda due righe alla redazione, chiedendo se vorrai essere citato oppure no all'interno dell'articolo come autore. Invia il tuo materiale a baraonda.giornale@gmail.com oppure raggiungici tramite whatsapp a questo numero 3472241340.

Grazie a questa rete di comunicazione baraondanews sarà in grado di fornire ancora più informazioni utili ai propri lettori. Insieme faremo un giornale ancora più potente ed efficace. 

Post correlati
Attualità

Dispositivo antiabbandono, da domani via alle domande per ottenere il bonus

AttualitàCronaca

Pay Tv pirata sul web, 223 persone denunciate dalla Guardia di Finanza

AttualitàCittà

Ladispoli, i lavoratori della Flavia Servizi in stato di agitazione

CittàCronaca

Accoltella la rivale in amore. Rintracciata ed arrestata dai Carabinieri

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.

Leggi online
BARAONDA NEWS

SFOGLIA LA RIVISTA
close-link
Sfoglia la rivista
Hai bisogno di aiuto?