fbpx
 
Cronaca

Rigopiano: il covid non ferma il ricordo dei familiari delle vittime

Il comitato dei familiari delle vittime celebrerà al quarto anniversario dalla drammatica valanga

Rigopiano: il covid non ferma il ricordo dei familiari delle vittime –

«Ci siamo quasi, il quarto anniversario è alle porte. Quest’anno, amici cari, sarà ancora più triste degli altri: mancheranno i vostri abbracci, la vostra presenza, il vostro appoggio».

Rigopiano: il covid non ferma il ricordo dei familiari delle vittime
Rigopiano: il covid non ferma il ricordo dei familiari delle vittime

Inizia così il pensiero rivolto dal comitato familiari vittime di Rigopiano ai tanti che, per le normative anticontagio disposte dall’ultimo dpcm, lunedì non potranno essere sul luogo della strage per raccogliersi in un momento di preghiera, come riporta Adnkronos.

«Vi vogliamo ringraziare tutti per il percorso fatto insieme in questi quattro anni difficili; grazie per averci sostenuti e incoraggiati a non mollare mai. Instancabili, ci siete stati vicini anche solo per ascoltarci.

Avete asciugato le nostre lacrime, perché non c’erano parole giuste da usare per consolarci. In silenzio avete ascoltato innumerevoli volte i racconti di episodi dei nostri angeli.

Quest’anno la scelta è stata dura: dovevamo decidere tra fare la commemorazione in pochi parenti oppure non farla proprio – spiegano dal comitato – Non potevamo non ricordarli, non potevamo non essere vicino ai nostri angeli proprio nel giorno in cui ce li hanno portati via.

Con l’aiuto di uomini dello Stato, quello ’efficiente, siamo riusciti ad organizzare un degno ricordo, se pur limitato in numero di persone e programma».

«Saremo solo noi e alcuni rappresentanti delle istituzioni – scrivono dal comitato – che si sono offerti di starci accanto in questa triste giornata; li accoglieremo, per dimostrare ancora una volta che noi non ce l’abbiamo con loro, ma con gli uomini che li governavano.

Confidiamo nella vostra comprensione e, se possibile, alle 16.49, ora esatta della valanga, mentre noi innalzeremo una preghiera, voi rivolgete un pensiero a loro, morti per mano dell’uomo.

Per la prima volta aspetteremo a Rigopiano l’orario in cui avvenne la tragedia, forse con le stesse condizioni atmosferiche.

Lo faremo anche grazie alla vostra forza, certi che con il pensiero sarete accanto a noi, con l’affetto e la solidarietà di sempre».

(torna a Baraondanews)

Post correlati
CittàCronaca

Cerveteri: i ladri tornano a colpire, nuovi furti a Zambra

CittàCronaca

Incendio in via Portuense a Fiumicino: strada momentaneamente chiusa al traffico

CittàCronaca

Ladispoli, 2 poliziotti feriti durante i controlli

CittàCronaca

Santa Marinella, partita operazione speciale di pulizia

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.