fbpx
Notizie

Patrizia Chielini tra i 20 migliori prof d’Italia

140 Condivisioni

L’insegnante dell’istituto comprensivo “Corrado Melone” tra i finalisti dell’Atlante Italian Teacher Award 2019. Presentato il progetto che ha creato una rete di protezione per contrastare il bullismo e il cyberbullismo

Patrizia Chielini tra i 20 migliori prof d’Italia –

C’è anche una docente di Ladispoli tra i 20 migliori professori d’Italia, finalisti dell’Atlante teacher award, gemellato col Global teacher prize, organizzato da [email protected] con United Network.

Si tratta della professoressa Patrizia Chielini che alla Corrado Melone ha fatto nascere una rete di protezione per contrastare il bullismo e il cyberbullismo. Un insegnante ti cambia la vita, la segna, la colora, la arricchisce.

E con questo spirito che lo scorso anno [email protected] ha risposto alla proposta di United Network di portare anche in Italia il premio mondiale per i docenti.

Tre di loro saranno i vincitori del premio che sarà consegnato nell’auditorium della Conciliazione a roma il 13 gennaio. I tre vincitori potranno recarsi per una settimana di studio-lavoro e formazione nelle scuole di New York.

Patrizia Chielini tra i 20 migliori prof d’Italia
Patrizia Chielini tra i 20 migliori prof d’Italia

E quest’anno sarà inoltre assegnato un quarto premio a un docente della Regione Lazio. Dita incrociate, dunque, alla Corrado Melone per la professoressa Patrizia Chielini referente del progetto risultato tra i primi 20 della classifica.

Un progetto attivo all’interno della scuola media inferiore dell’istituto già da tre anni e che vede coinvolti non solo i docenti ma in particolar modo gli studenti. Con il progetto gli insegnanti dell’istituto comprensivo puntano non solo alla lotta al bullismo e al cyberbullismo, ma al coinvolgimento degli studenti: gli unici in grado di spiegare e raccontare le dinamiche che accadono all’interno della scuola, in tutte le loro sfaccettuature.

«Abbiamo pensato che un solo referente, per di più adulto, fosse insufficiente a contrastare un fenomeno diffuso, multiforme, pericoloso e nascosto come il bullismo», si legge nel progetto.

Da qui la decisione di farsi aiutare proprio dagli studenti. In totale sono 12 i ragazzi del team avranno il compito di vigilare insieme a quattro insegnanti sulle dinamiche interne dell’istituto onde andare a intervenire tempestivamente in possibili forme di bullismo che si possano venire a creare a scuola, ma anche al di fuori del complesso scolastico.

Non solo controllo ma anche e soprattutto prevenzione e sensibilizzazione. In un mondo, quello del bullismo, dove purtroppo spesso la vittima non denuncia ciò che accade, l’obiettivo del progetto è quello di sensibilizzare i ragazzi che vedono a parlare per poter tendere una mano al più debole.

Operazione resa possibile dall’intervento diretto degli studenti del team, ancor prima dell’intervento di un adulto. I ragazzi, infatti, consultatisi con gli insegnanti, intervengono in modo conciliatorio, facendo da ponte tra bulli e vittime.

Dopo questo primo intervento mantengono i contatti con gli interessati per monitorare, in modo amichevole, la situazione nel tempo.

Tra le azioni portate avanti dalla scuola c’è anche l’attivazione di una casella email a cui possono scrivere genitori e studenti; l’organizzazione e la partecipazione a incontri con esperti (psicologi, polizia postale) rivolti agli studenti e ai genitori.

Ed è proprio grazie all’interazione con gli studenti che la scuola, come spiegato dalla stessa professoressa Chielini, è riuscita a scoprire situazioni che non sarebbero mai venute alla luce, perché i ragazzi tendono a confidarsi più facilmente con i loro coetanei.

«Ci siamo resi conto che l’esempio è contagioso, per cui anche i rappresentanti di classe hanno preso un ruolo attivo nel difendere i compagni in difficoltà e segnalare le situazioni problematiche».

Un sistema, dunque, che funzione, presentato al concorso con una speranza: che possa essere replicato in altri istituti scolastici della Regione e perché no d’Italia.

Soddisfatto del successo riscosso dal progetto e dalla docente dell’istituto, anche il dirigente scolastico Riccardo Agresti che è tornato a complimentarsi con gli insegnanti della scuola «che ci mettono passione e cuore».

«La mia fortuna è quella di stare in una scuola con docenti eccezionali».

140 Condivisioni

Anche tu REDATTORE!

Inviaci in tempo reale foto, video, notizie di cronaca, curiosità, costume.

Ti trovi nel mezzo di un incidente? Fotografa la situazione e manda due righe alla redazione, chiedendo se vorrai essere citato oppure no all'interno dell'articolo come autore. Invia il tuo materiale a [email protected] oppure raggiungici tramite whatsapp a questo numero 3472241340.

Grazie a questa rete di comunicazione baraondanews sarà in grado di fornire ancora più informazioni utili ai propri lettori. Insieme faremo un giornale ancora più potente ed efficace. 

Post correlati
Notizie

Conte ha firmato: nuovo DPCM in vigore da domani

Notizie

Marco Pierini è guarito dal Covid

Notizie

Coronavirus, Tidei: "A Santa Marinella non ci sarà alcuna chiusura"

Notizie

Civitavecchia, fuga di gas in un appartamento. Provvidenziale l'intervento dei Vigili del Fuoco

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.