fbpx
CittàNotizie

Minimarket. Il TAR del Lazio boccia la delibera di Ladispoli: discriminatoria

23 Condivisioni

Dura la reazione del sindaco Alessandro Grando su Internet

Minimarket. Il TAR del Lazio boccia la delibera di Ladispoli: discriminatoria –

Una lettera ai cittadini di Ladispoli per rendere nota la decisione del TAR del Lazio: la delibera con cui i minimarket etnici venivano chiusi è discriminatoria.

Minimarket. Il TAR del Lazio boccia la delibera di Ladispoli: discriminatoria
Minimarket. Il TAR del Lazio boccia la delibera di Ladispoli: discriminatoria

Aveva fatto discutere la decisione del sindaco Grando di chiudere i piccoli negozi di alimentari gestiti da cittadini stranieri entro le 19 per motivi di ordine pubblico.

Dopo il ricorso da parte degli esercenti, il Tribunale Amministrativo Regionale si è pronunciato contro l’amministrazione ladispolina.

Scrive il Sindaco: “Con l’ordinanza n. 65 dello scorso 28 maggio era stato disposto che tali esercizi dovessero svolgere la propria attività nell’orario ricompreso tra le ore 7:00 e le ore 19:00, ed i benefici per le zone interessate sono stati immediati.

A partire da quel momento, infatti, non abbiamo più ricevuto esposti o segnalazioni per situazioni di degrado o di pericolo per l’incolumità dei residenti”.

“Con rammarico – aggiunge – devo però comunicarvi che il TAR del Lazio ha accolto la richiesta di sospensiva presentata dai gestori dei minimarket etnici, che a partire da oggi potranno tornare a svolgere la propria attività senza limitazioni di orario”.

“Non posso che prendere atto della sentenza e adeguarmi a quanto stabilito dai giudici, però mi si consenta di fare alcune considerazioni nel merito”.

Dura poi la presa di posizione: “Evidentemente a qualcuno va bene se davanti ai minimarket etnici gruppi di ubriaconi stazionano fino a tarda notte, vomitano e urinano ovunque, lasciano bottiglie sparse dappertutto e, tanto per non farsi mancare nulla, periodicamente se le danno di santa ragione seminando il panico tra i passanti”.

“Ad ogni modo – conclude Grando – non resteremo inermi di fronte a questa situazione, chiederò alla Polizia Locale e alle Forze dell’Ordine presenti in città di predisporre dei controlli mirati per scongiurare che si verifichino nuovamente gli spiacevoli episodi a cui abbiamo assistito in passato”.

23 Condivisioni

Anche tu REDATTORE!

Inviaci in tempo reale foto, video, notizie di cronaca, curiosità, costume.

Ti trovi nel mezzo di un incidente? Fotografa la situazione e manda due righe alla redazione, chiedendo se vorrai essere citato oppure no all'interno dell'articolo come autore. Invia il tuo materiale a [email protected] oppure raggiungici tramite whatsapp a questo numero 3472241340.

Grazie a questa rete di comunicazione baraondanews sarà in grado di fornire ancora più informazioni utili ai propri lettori. Insieme faremo un giornale ancora più potente ed efficace. 

Post correlati
Notizie

Ladispoli, al via il progetto per il recupero delle aree degradate

Notizie

Ladispoli, cardiopatico da anni in attesa di una casa popolare

Notizie

Civitavecchia, auto in fiamme in un concessionario

Notizie

Ladispoli: scritte vandaliche a piazza Grande, davanti la Chiesa

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.