fbpx
Città

Manziana, azzerata la parte variabile della Tari per le attività commerciali colpite da pandemia

Lo annuncia il Sindaco

Manziana, azzerata la parte variabile della Tari per le attività commerciali colpite da pandemia

L’Amministrazione Comunale, in base alle indicazioni fornite dal Governo a seguito dell’approvazione da parte del Consiglio dei Ministri del decreto n.73, entrato in vigore lo scorso 26 maggio, ha deciso di azzerare completamente la “parte variabile” della Tassa sui Rifiuti (TARI) per tutte le utenze commerciali colpite dalla pandemia e che sono state interessate dalle chiusure obbligatorie o dalle restrizioni nell’esercizio delle rispettive attività.

Come annunciato nei giorni scorsi, con gli uffici ci siamo immediatamente attivati per sostenere concretamente le attività commerciali più duramente colpite dalla pandemia. – commenta il Sindaco Bruni – Abbiamo così deciso di azzerare completamente la “parte variabile” della tariffa Tari per tutte le utenze commerciali colpite dalla pandemia e che sono state interessate dalle chiusure obbligatorie o dalle restrizioni nell’esercizio delle rispettive attività. 

Questo si traduce in pratica in uno sconto complessivo di oltre il 70% della bolletta (il 72% circa). 

Siamo inoltre a lavoro per strutturare altri interventi di sostegno che comunicheremo più avanti – continua il Sindaco Bruni – Quest’anno, infatti, abbiamo cercato di agire su tre fronti:1) emettere le bollette in tempi utili per garantire un numero più elevato di rate;2) rendere l’organizzazione amministrativa flessibile e capace di fare fronte a tutte le novità che si verranno a creare;3) studiare tutte le strade utili per diminuire il peso della Tari sui nostri Concittadini.”

Le aziende interessate dallo sgravio saranno informate direttamente dagli uffici comunali preposti e saranno invitate a presentarsi presso gli sportelli dell’ufficio tributi, dove, presentando la copia del versamento della 1° rata (per intendersi quella scaduta lo scorso 31 maggio), riceveranno brevi manu il nuovo modello F24 a conguaglio, che annulla e sostituisce tutti di altri.

Per coloro che avessero già pagato la Tari in una unica soluzione (sempre con scadenza 31 maggio) saranno invece effettuati direttamente i rimborsi. 

“Stiamo davvero facendo il possibile per supportare il tessuto economico del paese – continua il Sindaco Bruni – Infatti, a questo provvedimento specifico per la tari, vanno affiancati quelli già operativi: penso all’esonero del pagamento per tutto il 2021 del canone unico patrimoniale -ex Cosap- a carico di tutti i pubblici esercizi (bar-ristoranti-trattorie-pizzerie) e all’esonero dal pagamento del canone unico per l’occupazione dell’area mercatale da parte dei venditori ambulanti del mercato, che beneficiano già, quindi, anche dell’azzeramento della Tari per il 2021, essendo tale ultima tassa di fatto incorporata nel nuovo canone patrimoniale unico.

Confido prossimamente di potere dare notizia di ulteriori sgravi per permettere alla Cittadinanza di ammortizzare il più possibile le tante difficoltà a cui la pandemia ci ha costretto a fare fronte.

Siamo partiti dalle attività commerciali e proseguiremo con le utenze domestiche. Questo è il nostro impegno.”

Anche tu REDATTORE!

Inviaci in tempo reale foto, video, notizie di cronaca, curiosità, costume.

Ti trovi nel mezzo di un incidente? Fotografa la situazione e manda due righe alla redazione, chiedendo se vorrai essere citato oppure no all'interno dell'articolo come autore. Invia il tuo materiale a [email protected] oppure raggiungici tramite whatsapp a questo numero 3472241340.

Grazie a questa rete di comunicazione baraondanews sarà in grado di fornire ancora più informazioni utili ai propri lettori. Insieme faremo un giornale ancora più potente ed efficace. 

Post correlati
AttualitàCittà

Il 'Camper Rosa' della Polizia di Stato a Civitavecchia

CittàCultura

Ladispoli, al via l’ottava edizione del Summer Music Camp 2021

CittàNotizie

Ladispoli, al Cerreto una nuova area picnic attrezzata

Cittàpolitica

Ladispoli, nuovo centro commerciale: il M5S attacca Grando

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.