fbpx
CittàNotizie

Lavori pubblici, audizione sulla chiusura della Settevene-Palo nuova

Un momento dell'audizione
Lavori pubblici, audizione sulla chiusura della Settevene Palo Nuova

A gennaio dovrebbe partire il primo lotto dei lavori

Lavori pubblici, audizione sulla chiusura della Settevene Palo Nuova-

“Una strada importante, perché collega Cerveteri e Bracciano all’Aurelia e all’autostrada, la chiusura è un problema grave non solo per i pendolari, ma anche per il trasporto pubblico e i mezzi di soccorso”.

Così il consigliere Emiliano Minnucci (Pd), ha descritto la situazione della Settevene-Palo nuova, chiusa del tutto dal 24 novembre, nel corso dell’audizione che si è svolta oggi in commissione Lavori pubblici del Consiglio regionale, presieduta da Eugenio Patanè.

“Già prima della frana del 24 novembre – ha spiegato il sindaco di Cerveteri  e consigliere della Città metropolitana di Roma, Alessio Pascucci – si poteva procedere solo con un senso unico alternato in due tratti differenti, per il cedimento del manto stradale, con divieto di transito per i mezzi pesanti. Adesso la strada è chiusa del tutto, con gravissime ripercussioni sulla circolazione che si riversa su vie rurali, del tutto inadatte per quel tipo di traffico, che si stanno deteriorando rapidamente. Non abbiamo le risorse per la manutenzione, serve l’aiuto di tutte le istituzioni”.

D’accordo con l’analisi della situazione anche la presidente della commissione Lavori pubblici della Città metropolitana, Micol Grasselli.

Carlo Caldironi, consigliere metropolitano con delega ai Lavori pubblici, ha illustrato le grandi difficoltà in cui si trova l’ente locale, per il taglio delle risorse e del personale e la fragilità del sistema viario, oltre 2mila chilometri, che deve gestire. Nello specifico, la situazione è stata illustrata dai tecnici della Città metropolitana.

Ci sono due problemi differenti: per quanto riguarda il cedimento del manto stradale c’è già uno stanziamento di un milione e 250 euro per il 2019 e altrettanti ne saranno stanziati nel 2020.

A gennaio dovrebbe partire il primo lotto dei lavori. Per quanto riguarda la frana, che interessa un lotto privato, sono state avviate le procedure di contestazione per arrivare poi all’esecuzione di opere in danno, per ripristinare la circolazione.

Il consigliere Minnucci ha proposto anche di disegnare un tracciato alternativo, in maniera da superare definitivamente un problema definito storico e, insieme ad Orlando Tripodi (Lega), ha invitato la Città metropolitana a cedere parte delle strade di propria competenza alla Regione, come hanno già fatto le Province.

In conclusione della seduta, il presidente Patanè ha garantito il supporto della commissione, che farà da tramite con l’assessorato regionale, anche tramite una risoluzione, per impegnare le risorse tecniche e i fondi a disposizione per il dissesto idrogeologico e per sostenere il lavoro del Comune di Cerveteri.   

Anche tu REDATTORE!

Inviaci in tempo reale foto, video, notizie di cronaca, curiosità, costume.

Ti trovi nel mezzo di un incidente? Fotografa la situazione e manda due righe alla redazione, chiedendo se vorrai essere citato oppure no all'interno dell'articolo come autore. Invia il tuo materiale a [email protected] oppure raggiungici tramite whatsapp a questo numero 3472241340.

Grazie a questa rete di comunicazione baraondanews sarà in grado di fornire ancora più informazioni utili ai propri lettori. Insieme faremo un giornale ancora più potente ed efficace. 

Post correlati
Città

8xMille alla Chiesa Cattolica: la nuova campagna della CEI

Città

Ladispoli, incidente in via Roma: un ferito

Città

Multiservizi Caerite: il programma di interventi nella settimana di ferragosto

Notizie

Roma, morto il bimbo ferito dal nonno

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.