fbpx
Notizie

Ladispoli, Statua: video ispezioni per verificare le possibili interferenze tra i due pozzi

Il livello dei cloruri è ancora sopra i parametri consentiti dalla legge anche se la situazione starebbe migliorando

Ladispoli, Statua: video ispezioni per verificare le possibili interferenze tra i due pozzi –

Si riaccendono i riflettori sull’ordinanza di non potabilità a Olmetto Monteroni e sulla realizzazione del secondo pozzo a Statua.

Durante uno degli incontri con il quartiere, il primo cittadino aveva annunciato che l’ordinanza sarebbe stata revocata già entro agosto.

Ma, trascorsi due mesi, i residenti delle frazioni ladispolane sono ancora alle prese con il divieto di utilizzare l’acqua che sgorga dai rubinetti di casa per scopi potabili.

A sollevare la questione in consiglio comunale è stato il consigliere del Movimento 5 Stelle Antonio Pizzuti Piccoli che ha acceso i riflettori proprio sul secondo pozzo a Statua: «La falda – ha chiesto – è già salinizzata?».

E se si «l’amministrazione sta lavorando per revocare l’ordinanza a Monteroni?».

Mentre infatti per la città balneare il problema viene risolto una volta che l’acqua proveniente da Statua va a finire nei vasconi di accumulo dove viene miscelata prima di essere immessa nuovamente nelle condotte idriche della città, ai Monteroni, l’acqua arriva direttamente dal pozzo Statua. Con annessi cloruri.

La situazione a quanto pare starebbe man mano portando alla “normalità” la situazione, con i cloruri che ad oggi si attesterebbero sui 350 milligrammi per litro (il limite previsto dalla legge è di 250 milligrammi per litro).

A quanto pare, infatti, nelle fasi di rodaggio e messa in funzione del nuovo pozzo, si è verificata una interazione con il vecchio.

Questo avrebbe dunque fatto alzare i livelli di cloruri presenti nella nuova opera realizzata ex novo dall’amministrazione comunale.

Dopo una prima fase di interazione, però, a quanto pare, la situazione starebbe migliorando con il livello di cloruri che starebbe scendendo, «inizialmente – ha spiegato Moretti – in maniera sensibile, ora un po’ più lentamente». Ma la speranza che si possa tornare a numeri al di sotto di quelli previsti dalla legge c’è.

«Stiamo predisponendo delle video ispezioni – ha spiegato ancora il delegato al servizio idrico della città balneare – per verificare se il vecchio pozzo stia ancora interagendo e stiamo lavorando per attuare degli aggiustamenti.

Ovviamente questo non porterà a delle risposte immediate».

Una delle possibilità che da palazzo Falcone si sta valutando, qualora l’interferenza tra i due pozzi dovesse proseguire è quella di chiudere definitivamente il primo, già salinizzato, così di lasciare in funzione definitivamente solo il secondo.

In questo modo il livello dei cloruri non dovrebbe più aumentare sopra la soglia, portando a una possibile revoca da parte dell’ordinanza di non potabilità.

Esclusa la possibilità di realizzare una condotta idrica che dai vasconi di accumulo a ridosso della città balneare, a monte della via Aurelia, possano tornare indietro nelle frazioni interessate dall’ordinanza.

L’opera sarebbe troppo costosa per le casse comunali. E intanto?

Il Movimento 5 Stelle aveva già chiesto la possibilità di applicare uno sconto in bolletta per tutti i residenti interessati dal disservizio. Possibilità anche questa di difficile attuazione a causa dei costi a cui il comune dovrebbe far fronte.

«Per applicare uno sconto – ha spiegato Moretti – ci vorrebbero decine di migliaia di euro e viste le ristrettezze economiche del Comune e della Flavia, non lo possiamo fare.

Stiamo però lavorando anche per reperire delle risorse per poter applicare una scontistica nel caso in cui non riuscissimo a rendere potabile l’acqua».

Anche tu REDATTORE!

Inviaci in tempo reale foto, video, notizie di cronaca, curiosità, costume.

Ti trovi nel mezzo di un incidente? Fotografa la situazione e manda due righe alla redazione, chiedendo se vorrai essere citato oppure no all'interno dell'articolo come autore. Invia il tuo materiale a baraonda.giornale@gmail.com oppure raggiungici tramite whatsapp a questo numero 3472241340.

Grazie a questa rete di comunicazione baraondanews sarà in grado di fornire ancora più informazioni utili ai propri lettori. Insieme faremo un giornale ancora più potente ed efficace. 

Post correlati
Notizie

Cerveteri, Divulgazione Scientifica: torna l’appuntamento con i Dinosauri

Notizie

Cerveteri, asilo nido operativo dal prossimo anno scolastico

Notizie

Acqua Civitavecchia, la situazione sta rientrando

Notizie

Cerveteri, Maltempo: il Sindaco Pascucci ringrazia ProCiv, Polizia Locale e Dirigenti

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.

Leggi online
BARAONDA NEWS

SFOGLIA LA RIVISTA
close-link
Sfoglia la rivista
Hai bisogno di aiuto?