fbpx
 
CittàCronacaItaliaMondoNotizie

Ladispoli, la storia di Yana e di altre mamme fuggite dall’Ucraina

Giorni di viaggio con pochi averi e la paura nel cuore, sotto le bombe e con i mariti al fronte

Ladispoli, la storia di Yana e di altre mamme fuggite dall’Ucraina –

Yana ha 28 anni e due bambini: le bombe l’hanno costretta a fuggire per metterli al sicuro e dopo un viaggio durato cinque giorni, attraversando tre nazioni, ha raggiunto Ladispoli.

È partita dal confine ungherese su un pullman che attraverso la Slovenia l’ha portata fino a Roma, presso la basilica di Santa Sofia.

Suo marito è rimasto in Ucraina e vorrebbe arruolarsi come volontario per scacciare i russi.

Yana e i suoi figli, di 2 e 4 anni, hanno trovato ospitalità presso Oksana e sua figlia, anche loro ucraine, ma che vivono a Ladispoli da molti anni.

Oltre a Oksana ci sono i volontari del gruppo comunale di Protezione civile di Ladispoli, la parrocchia del Sacro Cuore di Gesù e la Croce Rossa ad aiutarli.

Anche un’altra ragazza ucraina con un bimbo in fasce è stata accolte da Oksana. Un gesto di amore, altruismo e solidarietà rivolto a persone che neanche conosce, ma a cui ha aperto la porta di casa propria.

Yana è grata per il grande dono che le è stato dato, ma la preoccupazione è tanta.

Il desiderio è quello di poter tornare presto a casa sua, con suo marito, e ricostruire ciò che le bombe stanno distruggendo.

Sono tanti i rifugiati giunti fino a Ladispoli per fuggire dalla guerra.

Lilia, di appena 21 anni, è scappata con suo figlio da Odessa: ora è ospite dell’associazione “Aspettando un angelo” di Raimondo Perretta.

“Ho detto a mio figlio che siamo qui in vacanza” per non farlo preoccupare.

Il padre è rimasto a combattere in Ucraina.

Lilia ha portato solo l’essenziale: pochi abiti e la copertina preferita del bambino.

Non tutte le mamme sono riuscite però ad allontanarsi dall’Ucraina.

Lo racconta Annalisa Burattini del gruppo comunale di Protezione civile: “C’è una donna bloccata a Kiev con i suoi bambini. È in contatto con la famiglia che è qui a Ladispoli. Ha provato a scappare scrivendo sull’auto “bambini a bordo”, perché prima nessuno sparava sulle auto con questa scritta, ma purtroppo ora lo fanno”.

(Immagine di repertorio)

Post correlati
CittàNotiziepolitica

Cerveteri elegge il nuovo sindaco, lo spoglio in diretta

CittàCronaca

Ladispoli, scontro auto moto in via Palo Laziale. Centauro finisce in ospedale

CronacaNotizie

Ladispoli sorvegliata speciale. Il primo Maxi Blitz del "pattuglione interforze"

CittàNotizie

Ballottaggio a Cerveteri: i dati sull'affluenza

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.