fbpx
 
Città

Ladispoli, la Dinamo contro la mensa alla palestra Melone

La Asd Dinamo: “Siamo molto amareggiati”. La scelta dovuta, secondo la squadra, a un’interpretazione troppo rigida di vecchie indicazioni dell’ISS

Ladispoli, la Dinamo contro la mensa alla palestra Melone –

Da questo lunedì la palestra della scuola Corrado Melone sarà adibita a mensa e realtà sportive cittadine avranno uno spazio in meno per gli allenamenti.

È su questo punto che verte la lunga lettera firmata dalla ASD Pallacanestro DINAMO Ladispoli

“Abbiamo appreso, dai social, che lunedì prossimo, tra meno di 48 ore, la palestra della Corrado Melone sarà adibita a mensa e non sarà più disponibile per le attività sportive, interne o esterne alla scuola, in modo da poter garantire il distanziamento fisico di 2 metri ai bambini che mangiano; “problema risolto!”, abbiamo letto e ascoltato in vari post e interviste radiofoniche.

Siamo molto amareggiati.

La palestra Corrado Melone, in attesa del sempre più benedetto Palazzetto dello Sport, è l’unica struttura comunale che per dimensioni e caratteristiche del campo consente alle associazioni sportive del territorio, in particolare a quelle di pallacanestro, di partecipare ai campionati giovanili e senior organizzati dalla Federazione Italiana Pallacanestro o da altri Enti di Promozione Sportiva.

Alcuni di questi campionati, definiti come di preminente interesse nazionale, sono già iniziati (a porte chiuse ovviamente e nel rispetto delle normative anti COVID) mentre altri partiranno tra una o massimo due settimane; gli atleti coinvolti, grandi e piccoli, sono almeno un centinaio.

La necessità attuale di utilizzo di un nuovo ulteriore spazio mensa nasce dall’interpretazione, basata su principi di massima cautela (e, ci sia consentito dirlo, a nostro modestissimo e insignificante parere, fin troppo rigida) del Dirigente Scolastico della Melone circa un’indicazione data a metà marzo dall’Isitituto Superiore di Sanità, assolutamente non prescrittiva (è stato definito “semplice invito” dagli stessi medici che hanno redatto il report in questione), e che riportiamo testualmente :

Non vi sono evidenze scientifiche che dimostrino la necessità di un incremento della distanza di sicurezza a seguito della comparsa delle nuove varianti virali; tuttavia, si ritiene che un metro rimanga la distanza minima da adottare e che sarebbe opportuno aumentare il distanziamento fisico fino a due metri, laddove possibile, e specialmente in tutte le situazioni nelle quali venga rimossa la protezione respiratoria (come, ad esempio, in occasione del consumo di bevande e cibo)”.

Purtroppo, come spesso capita, su molte cose, anche importanti, la normativa di riferimento lascia libera interpretazione a chi e’ nel posto giusto al momento giusto, o a chi semplicemente si ritrova “col cerino in mano” e deve fare qualcosa prima di bruciarsi; e cosi, nel caso specifico, pur comprendendo almeno una parte dei razionali a monte della decisione presa, vorremmo ora semplicemente evidenziare alcune cose, sempre dal nostro piccolo punto di vista:

Un problema, quale che sia, può dirsi risolto quando la soluzione trovata non ne crea altri

– Come una delle ASD che da Settembre hanno la concessione stagionale d’uso da parte del Comune (ma anche grazie al Dirigente Scolastico, e’ giusto dirlo) ora abbiamo il problema di trovare nuovi spazi, che gia’ di per se’ sarebbe compito da super eroi, diventa realmente impossibile farlo in meno di 48 ore

– Come ASD, a campionati in corso (a porte chiuse, ma comunque in corso), ora abbiamo il problema di dover pagare penali per spostamento di date/orari/sedi di gare o, peggio, di dover pagare salate multe per rinunce al campionato

– Come ASD ora abbiamo il problema di veder vanificati i nostri sacrifici e investimenti economici per garantire finora lo svolgimento in sicurezza di allenamenti e partite di campionato (tamponi, igienizzazioni, sanificazioni, dispositivi di protezione individuale, etc.)

– Gli atleti di basket, grandi e piccoli, le loro famiglie, ora hanno il problema di trovarsi improvvisamente senza più le opportunità di svago, socializzazione, benessere psico-fisico che, proprio di questi tempi, sono (erano) ancora più importanti che mai prima

– I nostri atleti e i nostri collaboratori sportivi ora hanno il problema di vedere i loro sforzi e i loro sacrifici (umani, economici, temporali) improvvisamente vanificati

Quindi no, il problema iniziale non e’ stato risolto, non ancora.

Noi forse siamo stati fortunati, ma dal 2018 (quando siamo “nati”) ad oggi abbiamo sempre trovato persone di buona volontà, nell’Amministrazione Comunale e nei Dirigenti Scolastici dei vari Istituti di Ladispoli in cui “lavoriamo”, persone che ci hanno permesso di far crescere la nostra passione e di trasmetterla a tanti giovani e giovanissimi; vogliamo sperare che, ancora una volta, ci si possa ripetere, vogliamo sperare che anche questo problema possa essere veramente risolto, che ci sia maggiore comprensione, maggiore flessibilità.

La scuola è di tutti, si gridava una volta, le palestre anche, vorremmo aggiungere noi.

ASD Pallacanestro DINAMO Ladispoli

Post correlati
CittàCultura

Tidei: "Castello in festa con la Banda Musicale Comunale Uniti per la Musica"

CittàNotizie

Santa Marinella rende omaggio alle vittime dell'alluvione del 2 ottobre 1981

AttualitàCittà

Cerenova: la memoria mette radici e l’impegno fiorisce

Cittàpolitica

Cerveteri, l'amministrazione incontra i cittadini di Valcanneto

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.