fbpx
Notizie

Inizio scuola, Locatelli: “Non apriamo per richiudere”

15 Condivisioni

Il presidente del Consiglio superiore di sanità Franco Locatelli è certo che “con l’impegno di tutti non solo la scuola riapre, ma si arriverà fino alla fine dell’anno”. È massima la fiducia nei genitori per quanto riguarda la misurazione della febbre

Inizio scuola, Locatelli: “Non apriamo per richiudere” –

Franco Locatelli

“La scuola non apre per richiudere” è questo il messaggio che manda Franco Locatelli, presidente del Consiglio superiore di sanità e membro del Comitato tecnico scientifico dall’inizio della pandemia da coronavirus, dalle colonne del Corriere della Sera. “Un problema così complesso – dice Locatelli nel giorno del rientro in classe – richiede la partecipazione di tutti. Famiglie, studenti, docenti. Non si può pensare che la responsabilità sia demandata solo a chi decide. Sono certo che con l’impegno di tutti non solo la scuola riapre, ma si arriverà fino alla fine dell’anno”.

“Le lezioni in presenza devono ricominciare – osserva Franco Locatelli nell’intervista rilasciata al quotidiano – tutto il Paese e lo Stato hanno profuso il massimo dello sforzo per garantire la sicurezza. Senza contare l’attenzione massima per i trasporti che dovranno sostenere un numero elevatissimo di passeggeri tra studenti e operatori”. Il presidente del Consiglio superiore di sanità è consapevole che qualche caso di contagio da Covid-19 ci sarà (“se negassi non sarei realista”) ma anche che un aumento dei positivi non dovrà spaventare perché “non siamo nella situazione dello scorso marzo. Ora siamo bene attrezzati e il quadro epidemiologico è migliore”. Secondo Locatelli “non ci sono i presupposti per ripristinare le chiusure”, anche perché l’Italia è sempre il Paese “con la più bassa incidenza di casi, 27 per 100.000 abitanti”. Martedì il Cts esprimerà un parere sulla proposta di portare la quarantena da 14 a 7 giorni: “Noi saremo prudenti e scrupolosi valutando tutte le evidenze disponibili – commenta -. Sarà una scelta esclusivamente scientifica che prescinde da valutazioni di tipo economico e sociale. Non spettano a noi”.

Locatelli spiega che la misurazione della febbre viene fatta a casa perché farla a scuola sarebbe possibile soltanto nei piccoli istituti. Negli altri è alto il rischio che si creino assembramenti. “Inoltre, il bambino che esce di casa con 38 di febbre è contagioso” aggiunge. “C’è chi obietta, e se poi il genitore lo porta ugualmente a lezione anche con la febbre? Ho troppa stima dei genitori – conclude – per sospettare che lo facciano”.

15 Condivisioni

Anche tu REDATTORE!

Inviaci in tempo reale foto, video, notizie di cronaca, curiosità, costume.

Ti trovi nel mezzo di un incidente? Fotografa la situazione e manda due righe alla redazione, chiedendo se vorrai essere citato oppure no all'interno dell'articolo come autore. Invia il tuo materiale a [email protected] oppure raggiungici tramite whatsapp a questo numero 3472241340.

Grazie a questa rete di comunicazione baraondanews sarà in grado di fornire ancora più informazioni utili ai propri lettori. Insieme faremo un giornale ancora più potente ed efficace. 

Post correlati
Notizie

"Santa Marinella: entro fine anno partirà il cantiere per la nuova piscina comunale"

Notizie

Coronavirus, nel Lazio su oltre 32mila test 706 nuovi casi

Notizie

Coronavirus: 7 nuovi casi a Cerveteri e 3 a Ladispoli

Notizie

Restyling stazione Santa Marinella, per il comitato pendolari bisogna "prestare cautela"

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.