fbpx
Ospiti

Il carciofo fritto cervetrano


di Angelo Alfani

Il carciofo, da quasi un secolo, e’ avvinto, come l’edera ai muraglioni di tufo, a Cerveteri, costituendo, ancor più dai tempi della Riforma agraria del cinquantadue, il cardine della sua identità economica e culturale.

Un anno buono, senza gelate e senza un improvvido e prematuro sbocciare di margherite, riuscendo a tenere il prezzo nei mercati generali di mezza Italia, poteva permettere ai carciofolari di terminare ‘n’altro vano o pagare parecchie rate della seicento.

Il mazzo di cimaroli, stretti e legati col fil di ferro, hanno aperto una infinità di strade nella Capitale ed oltre, superando anche la linea Gotica.

Controlli medici e ricoveri urgenti, scivoli per la pensione, uffici del catasto e dei tributi, ripetute lunghe licenze durante l’inutile ed umiliante servizio militare.
Perfino le scuffione del Celio ed i soliti marescialli ciociari intrallazzoni, si erano impietosite nei confronti delle reclute di Agylla , in visita medica dopo i tre giorni, di fronte ad uno splendido mazzo di carciofi.

Più di un lasciapassare papale: questo hanno rappresentato i carciofoli per il popolo d’Etruria. Molto più, perché meno imbarazzanti, del piattino a gancio o del buccheretto.

Se Cerveteri fosse stata una comunità conseguente avrebbe imposto come emblema del Gonfalone un bel mazzo di campagnano, altro che il cervo a tre teste.

Poche sere fa, ancora una volta, ne ho tastato il valore di assoluta ed unica bontà, in occasione di una cena con l’amica e compagna Rossanda.

Una braccicata di braccioli, raccolti nel primissimo pomeriggio nella piana di Zambra :“quelli boni,non ormonati”, mi ha riferito il fruttarolo che, a tutti i costi me ne ha fatto omaggio, sono finiti in olio bollente e mangiati ancora caldi.“So mejo dei cimaroli; so più teneri e non ci hanno pelo”

Che dire?

Si scioglievano in bocca: quel dolce misto ad un leggerissimo amarognolo che fa del carciofo cervetrano un unicum.

Anche tu REDATTORE!

Inviaci in tempo reale foto, video, notizie di cronaca, curiosità, costume.

Ti trovi nel mezzo di un incidente? Fotografa la situazione e manda due righe alla redazione, chiedendo se vorrai essere citato oppure no all'interno dell'articolo come autore. Invia il tuo materiale a [email protected] oppure raggiungici tramite whatsapp a questo numero 3472241340.

Grazie a questa rete di comunicazione baraondanews sarà in grado di fornire ancora più informazioni utili ai propri lettori. Insieme faremo un giornale ancora più potente ed efficace. 

Post correlati
NotizieOspitiSport

Calcio Ladispoli, il Gabbiano: "Auspichiamo di inaugurare l'impianto di San Nicola a novembre"

CittàCulturaFoodOspiti

Gran Bar Nazionale ospita: Cena con Delitto

Ospiti

Arriva “Fregene 37.1”, la prima Facebook-serie italiana firmata dagli Actual sull’estate al tempo del covid

Ospiti

Batteriosi Kiwi, Coldiretti incontra la Regione

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.