fbpx
 
Città

Fiumicino, Antonelli e Zorzi: “Prezzi troppo bassi: produttori costretti a distruggere quintali di carote”

L’assessore alle attività produttive: “Stiamo parlando di appena 0.10 centesimi al chilo riconosciuto ai produttori quando il consumatore spende almeno un euro per comprare la stessa quantità di carote”

Fiumicino, Antonelli e Zorzi: “Prezzi troppo bassi: produttori costretti a distruggere quintali di carote” –

“I nostri produttori di carote stanno morganando i campi. Significa che stanno arando e distruggendo quintali di prodotto perché il prezzo a cui potrebbero venderlo è talmente basso da non coprire neanche in parte i costi di produzione”. Lo dichiara l’assessora alle Attività produttive Erica Antonelli.

Fiumicino prezzi distruggere carote

“Stiamo parlando di appena 0.10 centesimi al chilo riconosciuto ai produttori quando il consumatore spende almeno 1 euro per comprare la stessa quantità di carote. E questo senza addentrarci nel tema della qualità – sottolinea Antonelli -. Una cosa scandalosa che mette in ginocchio la nostra agricoltura soggetta a un mercato che tende a sopraffare i piccoli e medi produttori”.

“Ma il problema non riguarda solo le carote – prosegue -. Penso al latte, per il quale è stato alzato il prezzo a 0.48 centesimi al litro che ancora non bastano a coprire i costi di produzione. Penso al caro-carburante che sta colpendo pesantemente l’agricoltura, ma anche la pesca locale. Agli agricoltori e ai pescatori viene chiesto uno sforzo sempre maggiore per garantire un’alta qualità del prodotto, anche a beneficio di chi poi lo consuma, ma a questo sforzo non ne corrisponde uno altrettanto forte per permettere alle aziende, specie quelle medio-piccole, di sopravvivere”.

“Le associazioni di categoria, le aziende, le amministrazioni locali fanno davvero molto per promuovere i prodotti di qualità – conclude -. Tutto questo, però, rischia di infrangersi contro il muro di un mercato che non guarda in faccia nessuno e con una situazione geopolitica internazionale che peggiora le cose. Serve un intervento deciso del governo per salvaguardare i nostri prodotti, le nostre aziende e i migliaia di posti di lavoro che queste garantiscono”.

“La situazione è allarmante e ci chiama tutti in causa – aggiunge il presidente della Commissione Attività Produttive, Fabio Zorzi -. Convocherò una commissione su questo tema, invitando le associazioni di categoria e i produttori per decidere insieme le azioni da intraprendere”.

Post correlati
Cittàpolitica

"La maggioranza continua ad usare la pagina social del comune in modo inappropriato"

CittàCronaca

Roma, nascondigli nelle auto per spacciare la droga

Città

Cerveteri, posticipata la scadenza della prima rata Tarip 2022

CittàCronacaNotizie

Santa Marinella, incidente al km 58: deviato il traffico sull’Aurelia

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.