fbpx
 
AttualitàCittà

Fiumicino: al centro commerciale Leonardo arriva la mostra interattiva di Archeoplastica

Obiettivo dell’iniziativa approdata ieri al centro commerciale e aperta fino al 20 novembre: sensibilizzare le nuove generazioni sul tema della sostenibilità e della circolarità della plastica di Fiumicino

Fiumicino: al centro commerciale Leonardo arriva la mostra interattiva di Archeoplastica –

Da ieri è arrivata al centro commerciale Leonardo la mostra interattiva di Archeoplastica ed eventi didattici con il WWF per sensibilizzare le nuove generazioni sul tema della Sostenibilità e della Circolarità della Plastica

Fiumicino: al centro commerciale Leonardo arriva la mostra interattiva di Archeoplastica

Un’importante iniziativa che ha l’obiettivo di sensibilizzare il pubblico ad un uso più consapevole e responsabile della plastica oltre ad educare le nuove generazioni attraverso attività didattiche. Il fulcro di questo progetto è la mostra di Archeoplastica che espone reperti di plastica rimasti intatti per oltre 50 anni.

Il progetto prevede la collaborazione del WWF – Lazio Litorale Nord, che coinvolgerà oltre 1.000 bambini appartenenti alle scuole primarie di Fiumicino, che parteciperanno ad alcune attività didattiche a tema.

“Il Centro Centro Leonardo non è nuovo ad organizzare iniziative come questa; La possibilità di allestire la mostra in collaborazione con Archeoplastica ci ha consentito di trattare un tema, quello della circolarità, per noi elemento essenziale per uno sviluppo consapevole e sostenibile. Con “The Plastic Age”, Savills e il Centro Leonardo presentano un vero e proprio progetto di educazione ambientale con seminari ed attività didattiche di approfondimento sul ciclo e riciclo della plastica per la salvaguardia dell’ambiente.” dichiara il direttore del Centro Commerciale di Fiumicino, Gianpiero Campoli

“Questo ciclo di eventi, organizzati dal Centro Commerciale Leonardo per accompagnare i nostri giovani a un uso più consapevole della plastica, rappresenta una grande occasione per svolgere sul nostro territorio una campagna di sensibilizzazione molto importante. Basti pensare ai gravi danni che, purtroppo, le plastiche creano nei nostri mari. Imparare sin da piccoli il corretto smaltimento dei rifiuti, nonché la possibilità di dare una seconda vita a determinati materiali, è un passo importante per avere piena consapevolezza del nostro essere cittadini rispettosi dell’Ambiente.

Si tratta di una tematica su cui l’attenzione deve restare sempre alta. Siamo passati dal 38% del 2016 all’attuale 80% di raccolta porta a porta. Un salto in avanti che ci ha permesso di salvaguardare l’ambiente delle nostre località, la salute dei cittadini e il decoro urbano, controllando anche la qualità dei rifiuti.” dichiara il vicesindaco Ezio Di Genesio Pagliuca

“Archeoplastica, sensibilizzando sul problema dell’inquinamento del mare causato dalla plastica, aiuta la gente sia a capire l’importanza del fare la raccolta differenziata che ad usare con maggiore consapevolezza e responsabilità questo materiale. Sono molto contento che il centro commerciale Leonardo abbiamo voluto ospitare al suo interno la mostra di Archeoplastica e che abbia voluto coinvolgere le scuole del territorio. Il problema della plastica è complesso e richiede più soluzioni contemporaneamente, una tra queste è proprio l’educazione ambientale. Il fatto che la mostra venga realizzata proprio nel cuore di un centro commerciale, che rappresenta il luogo delle scelte per un consumatore, è un segnale molto importante”. ha dichiarato Enzo Suma ideatore e fondatore di Archeoplastica.

“Lo scopo principale dell’Osservatorio Plastica è produrre e diffondere conoscenze ed esperienze in tema di sostenibilità della plastica per evitare che le persone e il mercato siano influenzati da informazioni e atteggiamenti che non hanno base scientifica. Per questo siamo molto lieti di collaborare con il Centro Leonardo nell’ambito del progetto “The Plastic Age”.

Il nostro incontro annuale, intitolato “Chi ha paura della plastica?”, porterà sul palco del Centro Leonardo esperti in grado di offrire pareri attendibili sulla sostenibilità di questo controverso materiale.” è quanto dichiarato dal Prof. Carlo Alberto Pratesi, del Dipartimento di Economia Aziendale dell’Università Roma Tre e creatore dell’Osservatorio Plastica.

“Il WWF Litorale Laziale Nord è parte attiva all’interno di questo progetto, consapevole del fatto che sono le sinergie con le realtà territoriali a creare i giusti presupposti per un cambiamento di rotta nella direzione della sostenibilità” ha detto Tiziana Zacco presidente dell’Associazione WWF locale, “con questo intervento di educazione ambientale entriamo nel vivo del tema plastica, portando l’attenzione su comportamenti corretti e rischi che si possono correre senza l’impegno quotidiano di ognuno”. dichiara Andrea Rinelli, responsabile delle Oasi Wwf del Litorale Laziale Nord.

“Il settore dei centri commerciali – dichiara Ermanno Tetta, Head of Property Management di Savills – deve fare leva sul suo ruolo di aggregatore di persone e comunità per farsi portavoce di comportamenti virtuosi, mettendo al centro iniziative di sensibilizzazione sul tema della sostenibilità e della conservazione del futuro del nostro pianeta. Savills si pone in prima linea anche con questa iniziativa e la collaborazione con un centro commerciale così importante sul territorio, come è Leonardo, rappresenta un’occasione unica per raggiungere un ampio bacino di pubblico e dare il via a una riflessione più estesa sull’utilizzo e potenzialità degli spazi commerciali.”

Post correlati
Città

Sinistra Italiana Ladispoli: "Sul parco di Viale Europa lavori conclusi che però non rispettano il progetto presentato"

Città

Cerveteri, la città piange la scomparsa del Dottor Bruno Costantini

Attualità

Censis: gli italiani del 2022 preoccupati per gli eventi globali

Attualità

Covid, l'indice di trasmissibilità sale ancora, da 1,04 a 1,14

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.