fbpx
AttualitàCittà

Fase 2 a Ladispoli: le proposte dell’architetto Nicola Moschetta per Viale Italia

141 Condivisioni

“Si potrebbe pensare di consentire a tutte le attività di somministrazione del viale Italia di occupare gratuitamente la fascia blu dei posti auto in modo tale da distanziare adeguatamente i tavoli e di lasciare libero il marciapiede per chi cammina”

Fase 2 a Ladispoli: le proposte dell’architetto Nicola Moschetta per Viale Italia –

Una riflessione – proposta per il Viale Italia.

Fase 2 a Ladispoli: le proposte dell'architetto Nicola Moschetta per Viale Italia
Fase 2 a Ladispoli: le proposte dell’architetto Nicola Moschetta per Viale Italia

Probabilmente i due mesi appena trascorsi, per la nostra generazione, sono stati uno di quei momenti che ci accompagneranno per tutta la vita. Per la prima volta ci siamo trovati ad affrontare un qualcosa di veramente inaspettato e non programmato, più di qualcuno ha paragonato questo periodo ad una guerra; la nostra generazione fortunatamente non ha mai vissuto in prima persona un conflitto bellico dentro il proprio territorio nazionale ma credo (ci riflettevo non più di qualche sera fa guardando i film “La Ciociara” o “La notte di San Lorenzo” che hanno passato alla televisione) sia cosa ben diversa da quello che stiamo vivendo oggi sia per “distruzione” generale sia per “disperazione” collettiva.

Per quasi due mesi abbiamo attraversato un tempo in “sospensione” dall’ordinarietà e dal trambusto della società nella quale ci è capitato di vivere (si perché alla fine nessuno di noi ha scelto di vivere proprio in quest’epoca ma in realtà ci siamo capitati per caso) e, dopo lo spaesamento iniziale, la maggior parte di noi ha iniziato a fare le attività più disparate; molti hanno ricominciato a fare “cose” per le quali, eravamo convinti, di non aver mai tempo o che accantonavamo utilizzando il più utile dei pensieri: “ma si, lo faccio domani che oggi ho da fare”.

Alcuni hanno ordinato armadi e cantine e pulito le proprie caselle di posta elettronica altri hanno recuperato il lavoro arretrato o si sono messi “a paro” con le serie su Netflix.

In tanti hanno pulito e risistemato le proprie case. In questi ultimi due mesi il patrimonio edilizio italiano credo sia lievitato; oltre che il cinguettio degli uccelli, dai giardini delle case, è stato un suono continuo di martelli e frullini dimostrando quanto gli italiani oltre che “un popolo di poeti, di artisti, di eroi, di santi, di pensatori, di scienziati, di navigatori, di trasmigratori” sia un popolo di grandi costruttori e che ogni grande crisi sia seguita da un bel condono edilizio (ma questa era solo una battuta).

Anche se è dura da accettare le crisi di sistema sono alla base dello sviluppo di una società, a volte la fine di un sistema o anche soltanto di un modo di pensare favorisce la nascita di nuovi modelli; in effetti perché finché tutto funziona dovrei avere un motivo per cambiare?
Che il nostro sistema economico non funzioni o quantomeno non sia in equilibrio con l’ambiente penso ormai stia diventando una consapevolezza generale acquisita e forse, uno dei pochi aspetti positivi di questo inizio 2020 è proprio l’averci dato la possibilità di un “cambio di sistema” o almeno messo nella condizione di provare a pensare qualcosa di differente.

Da lunedì 4 maggio inizieremo ad uscire da questo tempo sospeso e le attività commerciali cominceranno a riaprire. Questo nel primo periodo avverrà con modalità operative differenti soprattutto legate al distanziamento tra le persone.

In una città densamente abitata come Ladispoli l’obiettivo del distanziamento interpersonale è un risultato difficile da raggiungere ma fortunatamente abbiamo un territorio pianeggiante che facilita il camminare e l’utilizzo della bicicletta.

Fase 2 a Ladispoli: le proposte dell'architetto Nicola Moschetta per Viale Italia
Fase 2 a Ladispoli: le proposte dell’architetto Nicola Moschetta per Viale Italia

Per anni, prima come studente di architettura e professionista, poi come amministratore della città ed ora nuovamente come architetto mi sono imbattuto nel conflitto tra automobili e viabilità pedonale; più di una volta abbiamo provato a proporre una viabilità alternativa per il viale Italia ma questo risultato è stato ottenuto soltanto per brevi periodi durante i fine settimana o alcune festività.

Come scrivevo prima finché non ci sia un qualcosa che provoca un cambiamento non ha senso cambiare; ora potrebbe essere un buon momento per provare ad immaginare qualcosa di differente.

Da queste considerazioni nasce questa piccola proposta per la città e per le attività commerciali del viale Italia.

Da quel che si è capito leggendo i vari decreti che si stanno susseguendo, le attività di somministrazione nel primo periodo avranno molte difficoltà operative nell’accogliere i clienti dentro i propri locali e probabilmente sarà consentito farlo solo all’aperto con una distanza adeguata tra i tavoli.

Rispettando questo criterio i marciapiedi del viale Italia, dove attualmente sono collocati i tavoli, non consentiranno alle persone di camminare anche solo per entrare ed uscire dagli altri negozi presenti.

Il Comune da due mesi ha già sospeso il pagamento dei parcheggi a pagamento azzerando le entrate e penso che questo potrebbe essere prolungato per qualche mese senza particolari problemi di cassa.

Si potrebbe pensare di consentire a tutte le attività di somministrazione del viale Italia di occupare gratuitamente la fascia blu dei posti auto, o almeno un’ampia parte di queste, in modo tale da distanziare adeguatamente i tavoli e di lasciare libero il marciapiede per chi cammina.
Per quanto riguarda il traffico delle automobili si potrebbe o trasformare completamente il viale Italia in isola pedonale almeno per questo periodo transitorio fino a quando non sarà risolta l’emergenza sanitaria o, previa verifica con il comando della polizia locale, trasformare la via in una cosiddetta “Zona 30” ovvero una strada urbana con limite di velocità di 30 chilometri orari dove con piccoli interventi perlopiù di arredo urbano (fioriere e dissuasori) possano coesistere pedoni, biciclette ed automobili.

Ovviamente questa proposta è soltanto temporanea fino a quando l’emergenza sanitaria non sarà risolta ma magari, nel frattempo, ci accorgeremo che non è poi cosi male…

141 Condivisioni

Anche tu REDATTORE!

Inviaci in tempo reale foto, video, notizie di cronaca, curiosità, costume.

Ti trovi nel mezzo di un incidente? Fotografa la situazione e manda due righe alla redazione, chiedendo se vorrai essere citato oppure no all'interno dell'articolo come autore. Invia il tuo materiale a [email protected] oppure raggiungici tramite whatsapp a questo numero 3472241340.

Grazie a questa rete di comunicazione baraondanews sarà in grado di fornire ancora più informazioni utili ai propri lettori. Insieme faremo un giornale ancora più potente ed efficace. 

Post correlati
CittàNotizie

Cerveteri. Domani si potrà votare alla Giovanni Cena: finita parte dei lavori

CittàNotizie

Santa Marinella. Tornano le sterlizie: donate 50.000 piante al Comune

CittàNotizie

Palidoro. Incidente sull'Aurelia in direzione Roma: un'auto e un motorino

CittàCronacaNotizie

Caso Vannini: Vannicola e Bentivoglio accusati di falsa testimonianza

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.