fbpx
AttualitàItaliaMondoNotizie

Erosione costiera: tra 80 anni spariranno 5 località nel Lazio

Erosione costiera: tra 80 anni spariranno 5 località nel Lazio
23 Condivisioni

Il cambiamento climatico e l’opera dell’uomo faranno sparire 1.000 km di costa in Italia entro il 2100

Erosione costiera: tra 80 anni spariranno 5 località nel Lazio –

Tra soli ottant’anni le nostre coste potrebbero sparire: è questo il risultato di un recente studio sull’erosione delle coste.

Un arco di tempo decisamente breve e i cui effetti, ovviamente saranno col tempo sempre più visibili man mano che la fatidica data si avvicinerà.

Ovviamente a meno che non si faccia qualcosa per impedirlo o per rallentare il fenomeno.

A descrivere questo scenario, un corposo report di 144 pagine pubblicato nei giorni scorsi al Joint Research Centre della Commissione europea e diffuso da Stopglobalwarming.eu.

Tutta Italia perderebbe centinaia di metri di costa su una superfice lineare di ben 1000 metri di costa.

A far impressione anche numeri vicini al nostro litorale: entro il 2.100 Ostia verrebbe arretrata di 125 metri dal mare.

Addio lungomare, pista ciclabile e al recentemente inaugurato waterfront dell’archistar Fuksas.

Civitavecchia: fumi in porto, nuova riunione. A giorni la prima rilevazione delle centraline mobili alla darsena traghetti
Il porto di Civitavecchia oggi: tra 80 anni potrebbe non esistere più

Perfino Civitavecchia perderebbe ben 133 metri di costa.

Lo studio ha elaborato dati incrociati, considerando quali fattori dell’erosione, l’innalzamento del mare dovuto al cambiamento climatico, gli sbarramenti costruiti dall’uomo lungo le coste (strade, edifici, dighe) e i detriti portati dai fiumi lungo le coste, frutto di attività umana, ma anche di origine naturale.

Secondo i ricercatori nel Lazio 5 località su 33 affacciate sul Tirreno saranno completamente perdute: il 15% del totale. Non consola certo dover immaginare che la vicina Sardegna vedrà sparirne 24 su 62 (19%).

Che fare? Tramite Stopglobalwarming.eu si sta cercando di raccoglie firme per una petizione europea che dovrebbe costringere la Commissione a discutere ufficialmente la proposta di tassare l’emissione di anidride carbonica.

Secondo Marco Cappato, nonostante gli appelli e i solenni impegni internazionali la politica europea latita nell’offrire risposte concrete in grado di contrastare l’emergenza.

La Commissione europea ha espresso la volontà di agire, ma le resistenze degli Stati nazionali rischiano di vanificare ogni buona intenzione. 

23 Condivisioni

Anche tu REDATTORE!

Inviaci in tempo reale foto, video, notizie di cronaca, curiosità, costume.

Ti trovi nel mezzo di un incidente? Fotografa la situazione e manda due righe alla redazione, chiedendo se vorrai essere citato oppure no all'interno dell'articolo come autore. Invia il tuo materiale a [email protected] oppure raggiungici tramite whatsapp a questo numero 3472241340.

Grazie a questa rete di comunicazione baraondanews sarà in grado di fornire ancora più informazioni utili ai propri lettori. Insieme faremo un giornale ancora più potente ed efficace. 

Post correlati
Attualità

Santa Marinella, le celebrazioni per Ognissanti nel rispetto del Dpcm

Attualità

Aperto il bando per le palestre del territorio metropolitano

Notizie

L'associazione Lungomare della Salute di Fiumicino: "O aiuti immediati o l'economia del Lazio a gambe all'aria"

CittàNotizie

Ladispoli, spaccia cocaina e finisce agli arresti domiciliari

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.