fbpx
 
AttualitàCittà

DiVino Etrusco, dal 19 agosto a Tarquinia un’edizione da record

Sul percorso 38 aziende e 76 differenti vini

DiVino Etrusco, dal 19 agosto a Tarquinia un’edizione da record –

Riceviamo e pubblichiamo –

Un’estate di grandi eventi vive l’attesa per il suo momento clou: dopo festival e concerti tra Tarquinia e Lido, la città tirrenica vivrà dal 19 agosto le febbrili serate del DiVino Etrusco, in un’edizione che torna e supera i livelli di quelle pre Covid.

DiVino Etrusco 19 agosto Tarquinia

Mai avute tante cantine, mai messi a disposizione del pubblico tanti vini da degustare: la formula della Dodecapoli Etrusca confermata dal Comune di Tarquinia con la sapiente guida di Carlo Zucchetti, l’Enogastronomo col Cappello”, e la collaborazione dei sommelier della FISAR, porterà in due weekend a Tarquinia ben 38 aziende del centro Italia, per un totale di 76 differenti vini.

Partendo da Tarquinia, i visitatori potranno degustare i prodotti di Azienda agricola Tosoni, Casale Poggio Nebbia, Etruscaia, Muscari Tomajoli, Podere Giulio, Tenuta Sant’Isidoro, Terre Giorgini e Valle del Marta. Quindi Arezzo (Buccia Nera, Fattoria di Gratena e Tarazona Miriam), Bolsena (Villa Puri), Cerveteri (Azienda agricola Lopes, Casale Cento Corvi e Tenuta Tre Cancelli), Chiusi (Colle Santa Mustiola, Il Roglio e Nenci), Cortona (Baracchi, Fabrizio Dionisio, Fattoria Cantagallo e Tenuta Montecchiosi Dal Cero), Orvieto (Barberani, Cantina Neri, Decugnano dei Barbi, Palazzone e Tenuta Le Velette), Perugia (Goretti), Piombino (Podere Nannini, Sangiusto e S. Agnese), Veio (Terre del Veio), Volterra (Podere Il Mulinaccio, Podere Marcampo e Tenuta MonteRosola) e Vulci (Azienda agricola Lotti, La Trusca, e Vulci di Simoncini).

Incentrata sul vino, la kermesse negli anni è diventata un caleidoscopico contenitore di emozioni e stimoli di tanti tipi: e allora spazio a street food, mostre, eventi culturali, incontri a tema, show cooking e degustazioni guidate, per un programma ampio e variegato che sarà presentato nei prossimi giorni, quando saranno definite tutte le informazioni anche su ticket, ingressi e logistica.

Il DiVino Etrusco è organizzato dal Comune di Tarquinia con il sostegno della Regione Lazio, dell’Arsial, della Provincia di Viterbo, della Camera di Commercio e del MiC – Parco Archeologico di Cerveteri e Tarquinia.

Post correlati
Cittàpolitica

"La maggioranza continua ad usare la pagina social del comune in modo inappropriato"

AttualitàCultura

Cerveteri, sabato 1 ottobre la presentazione di "Non ne sapevo niente - Serbia 1995 Danube Mission le rivelazioni di un casco blu"

CittàCronaca

Roma, nascondigli nelle auto per spacciare la droga

Città

Cerveteri, posticipata la scadenza della prima rata Tarip 2022

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.