fbpx
Notiziepolitica

Degrado ambientale e verde pubblico, De Angelis e Orsomando chiedono le dimissioni dell’assessore Gubetti

Degrado ambientale e verde pubblico, De Angelis e Orsomando chiedono le dimissioni dell’assessore Gubetti – Riceviamo e pubblichiamo:

E’ cosa nota che l’attuale Sindaco e l’Assessora Gubetti sembrano proprio non brillare nella gestione del verde pubblico, della pulizia e del decoro cittadino e, nella nostra Cerveteri, è sempre più emergenza verde tutto il contrario di quanto viene detto in pseudo conferenze informative dagli stessi amministratori.

La manutenzione scarseggia, lo spazzamento delle strade è insufficiente e il risultato è che la natura sboccia rigogliosa più che mai, soprattutto dove non dovrebbe farlo. L’erba alta invade banchine, marciapiedi e strade ed è decisamente dannosa, pericolosa, antigienica e brutta da vedere con una città che, al centro come in periferia e nelle frazioni, somiglia ogni giorno di più a una giungla. Ma alla manutenzione del verde pubblico, come in ogni stato normale, non dovrebbe provvedere il Comune, ente deputato a garantire il decoro pubblico, attraverso la società e/o ditta interessata? Ma non sono il Sindaco e l’Assessora in questione a dover vigilare e garantire ai cittadini che tutto “fili liscio”?

Basta fare un giro, come abbiamo fatto noi, sui territori e in città o chiedere agli abitanti di molte frazioni per rendersene conto e per avere la riprova della probabile ‘incompetenza’ dell’Assessora Gubetti e la dimostrazione che chi è specializzato nella manutenzione del verde, non opera con la dovuta tempestività e accortezza dimenticando, quasi sempre, l’utilizzo del tosaerba.

Una situazione che sfiora picchi grotteschi in alcune vie, con le erbacce, da mesi e mesi non tagliate, che, alcune volte, raggiungono altezze mai viste, invadono i marciapiedi, coprono panchine e giochi e rendono persino difficile il passaggio dei pedoni diventando una vera impresa anche l’attraversare un’aiuola perché il verde arriva fin sopra le ginocchia. Benvenuti nella “giungla caerite”.

E’ questo lo scenario quotidiano in cui si devono muovere gli abitanti, in molti casi ormai rassegnati a questo abbandono e, di certo, non è una buona cartolina di presentazione. Quello che è certo è che la trascuratezza raggiunge livelli imbarazzanti: altro che, come più volte sottolineato dall’amministrazione Pascucci, un occhio di riguardo per le periferie. Il quadro è talmente sconfortante proprio come lo scorso anno, a conferma che la situazione è desolatamente la stessa e potremmo continuare ad oltranza, visto che ogni giorno ci raggiungono. da parte di numerosi cittadini che voglio far valere i loro diritti, lamentele sul degrado o almeno sull’abbandono del verde pubblico della nostra città

A Cerveteri, però, garantire i diritti delle persone appare una vera e propria impresa e capita sempre più spesso che i cittadini debbano subire ed aspettare che, chi di dovere impegnato in campagne politiche o in conferenze di altri tempi, possa trovare uno “sprazzo del proprio tempo” per occuparsi del verde pubblico. Non è forse ora che questa Amministrazione ammetta la propria incompetenza e di non riuscire a soddisfare gli interessi dei cittadini?Non è forse ora che l’Assessora all?Ambiente Gubetti rassegni le proprie dimissioni?

Aldo De Angelis – Salvatore Orsomando

Anche tu REDATTORE!

Inviaci in tempo reale foto, video, notizie di cronaca, curiosità, costume.

Ti trovi nel mezzo di un incidente? Fotografa la situazione e manda due righe alla redazione, chiedendo se vorrai essere citato oppure no all'interno dell'articolo come autore. Invia il tuo materiale a baraonda.giornale@gmail.com oppure raggiungici tramite whatsapp a questo numero 3472241340.

Grazie a questa rete di comunicazione baraondanews sarà in grado di fornire ancora più informazioni utili ai propri lettori. Insieme faremo un giornale ancora più potente ed efficace. 

Post correlati
Notizie

La Turris espugna Ladispoli per 3 a 2

Notizie

Bracciano, l'impianto sportivo Vergari nel degrado

Notizie

Ladispoli: alla Melone gli studenti si "laureano" in inglese e francese

Notizie

Il comitato Rifiuti Zero Ladispoli: “La chiusura della RECIN è un epilogo inaccettabile”

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.

Leggi online
BARAONDA NEWS

SFOGLIA LA RIVISTA
close-link
Sfoglia la rivista