Attualità

”Dante da padre della Patria a sovranista”

”Il sommo poeta italiano oggi in una forte diaspora è una figura contesa”

Dante da padre della Patria a sovranista

di Francesco Provenzano

Il sommo poeta italiano oggi in una forte diaspora è una figura contesa, tanto che da padre della patria, eroe del risorgimento, cultore del nazionalismo, per la destra è diventato sovranista. 

Credo che da protagonista dell’identità nazionale dove la sua effige compare ovunque farlo passare per sovranista mi sembra un vero e incomprensibile azzardo.

In questo contesto politico-sociale è inaccettabile che un movimento politico possa accappararsi una figura letteraria mondiale come questa del poeta fiorentino e Salvini ne fa uso per zittire gli avversari. Tutto il mondo ci invidia l’imponenza letteraria del suo poema: “La Divina Commedia”, una delle più importanti testimonianze letterarie della civiltà medievale e una delle più grandi opere della letteratura universale, conosciuta e studiata in tutto il mondo. Il poema si articola in tre cantiche, Inferno, Purgatorio e Paradiso. 

La Commedia di Dante Alighieri, rappresenta una tra le più alte espressioni della letteratura mondiale di tutti i tempi, narra, in forma di poesia, del viaggio fatto dall’uomo Dante nei regni dell’aldilà per salvare la propria anima.Tuttavia la Commedia è anche un viaggio universale con un percorso immaginario e introspettivo.

Nel mio libro:”il lato nascosto degli Italiani” scritto nel 2015 insieme a  Massimo Rocchini scrivo su Dante testualmente: “Il terreno primario comune di ogni nazione del mondo è la lingua. Fu il poeta fiorentino a ridare centralità a Roma in chiave cattolica e non clericale…..”. e l’Italia fu fatta da Dante Alighieri. Fu lui a dare dignità al terreno primario e comune di una nazione, la lingua.

Per me è quindi inaccettabile e incomprensibile come movimenti di destra possano accreditarsi Dante come sovranista, il quale rappresentò un elemento centrale, uno snodo che assorbì le energie  generate dal mondo antico, le assimilò e trasformò creando i presupposti che via via, nei secoli successivi attraverso le epoche di Umanesimo, Rinascimento e Risorgimento consentirono di rendere esplicito e concreto il concetto di Unità d’Italia.

Dante focalizza molto bene il ruolo centrale di un semplice poeta anche se in realtà era molto di più e la sua figura fu importante nella costruzione di una nazione di una identità di popolo, e per questi motivi che non può essere annoverato tra “i sovranisti”. 

Anche tu REDATTORE!

Inviaci in tempo reale foto, video, notizie di cronaca, curiosità, costume.

Ti trovi nel mezzo di un incidente? Fotografa la situazione e manda due righe alla redazione, chiedendo se vorrai essere citato oppure no all'interno dell'articolo come autore. Invia il tuo materiale a baraonda.giornale@gmail.com oppure raggiungici tramite whatsapp a questo numero 3472241340.

Grazie a questa rete di comunicazione baraondanews sarà in grado di fornire ancora più informazioni utili ai propri lettori. Insieme faremo un giornale ancora più potente ed efficace. 

Post correlati
Attualità

Ladispoli, si chiudono gli appuntamenti con le "Serate d'Arte"

AttualitàNotizie

"Sedotta e sclerata", prosegue il cammino di sensibilizzazione di Ileana Speziale

AttualitàCittà

Fregene, dal 25 luglio la 'Festa del Cinema'

Attualitàpolitica

Pontine sul Lago di Bracciano, Ascani: "Frutto del lavoro di tutti"

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.

Leggi online
BARAONDA NEWS

SFOGLIA LA RIVISTA
close-link
Sfoglia la rivista