fbpx
AttualitàCronaca

Confagricoltura: allarme lupi a pochi chilometri da Roma

“Avvistati anche a Maccarese, spesso hanno causato danni alle aziende agricole”

Confagricoltura: allarme lupi a pochi chilometri da Roma

“La lupa è il simbolo di Roma ma, da un po’ di tempo, non fa dormire sonni tranquilli agli agricoltori dell’agro romano. Lupi sono stati avvistati al Parco di Appio Antica, a Maccarese, alla Riserva di Decima Malafede, in Bassa Maremma, ma anche ai Castelli Romani, e spesso hanno causato danni alle aziende agricole. Addirittura si sono registrati avvistamenti e predazioni a danno degli allevamenti, in linea d’aria, a pochi chilometri dal centro di Roma”. A lanciare l’allarme è il presidente di Confagricoltura Roma, Vincenzino Rota, sulla base delle segnalazioni, sempre più frequenti, che pervengono dagli imprenditori agricoli associati.

Confagricoltura: allarme lupi a pochi chilometri da Roma
Confagricoltura: allarme lupi a pochi chilometri da Roma

“La situazione è insostenibile – prosegue Rota -. Se si è giunti a questo punto è dovuto anche al fatto che il fenomeno è più esteso e, per certi versi, più drammatico; i danni alle aziende agricole (devastazioni ed uccisioni di capi di bestiame) vengono provocati anche e soprattutto da ibridi (cane/lupo o lupo/cane) e randagi”.
 
“Il contenimento dell’incontrollata diffusione di tutti questi animali è urgente ed indispensabile – ha osservato il presidente di Confagricoltura Roma -. La popolazione di lupi va attentamente monitorata e ricondotta nei suoi areali naturali, ma va affrontato e combattuto anche il fenomeno di ibridi e randagi. C’è una condizione di pericolo per gli animali allevati, ma pure per l’uomo, che è stata sottovalutata e richiede rinnovata attenzione politica e interventi incisivi”.
 
Ad avviso di Confagricoltura non sono più accettabili le incertezze e le difformità normative che hanno caratterizzato l’operato dell’amministrazione nazionale e di quelle regionali, nonché degli enti gestori dei parchi.
 
C’è pure il problema dei danni diretti (capi predati) ed indiretti (costi veterinari, mancata produzione, ecc.) subiti dagli allevamenti. È giusto e doveroso risarcire integralmente e rapidamente i produttori e proteggerli.
 
“Confagricoltura Roma – conclude il suo presidente – è disponibile a fornire alle autorità il proprio contributo di idee e soluzioni per affrontare al meglio questa difficile situazione”.

Il presidente di Confagricoltura Roma Rota

Anche tu REDATTORE!

Inviaci in tempo reale foto, video, notizie di cronaca, curiosità, costume.

Ti trovi nel mezzo di un incidente? Fotografa la situazione e manda due righe alla redazione, chiedendo se vorrai essere citato oppure no all'interno dell'articolo come autore. Invia il tuo materiale a baraonda.giornale@gmail.com oppure raggiungici tramite whatsapp a questo numero 3472241340.

Grazie a questa rete di comunicazione baraondanews sarà in grado di fornire ancora più informazioni utili ai propri lettori. Insieme faremo un giornale ancora più potente ed efficace. 

Post correlati
AttualitàCittà

Allumiere, domani scuole aperte

AttualitàCittà

Tolfa, Cineteatro Claudio con ‘Il Re Leone’ e ‘Il giorno più bello del mondo’

AttualitàCronacaUncategorized

Civitavecchia, tragedia sul treno: uomo muore dopo un malore

Attualità

M5S Ladispoli prende parte al progetto 'Alberi per il futuro'

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.

Leggi online
BARAONDA NEWS

SFOGLIA LA RIVISTA
close-link
Sfoglia la rivista
Hai bisogno di aiuto?