fbpx
Notizie

Concorsopoli, dopo la puntata di “Non è l’arena” ad Allumiere le opposizioni pretendono le dimissioni di Pasquini

30 Condivisioni

Concorsopoli, dopo la puntata di “Non è l’arena” ad Allumiere le opposizioni pretendono le dimissioni di Pasquini –

“Se le dimissioni di Pasquini fino ad ora erano state un invito in nome della trasparenza, dopo la puntata di “Non è l’arena” andata in onda domenica 11 aprile, sono diventate un atto doveroso dal quale Pasquini non può più esimersi. Per giorni Pasquini ha tuonato sugli organi di stampa difendendo la legittimità del concorso, gridando all’affronto contro l’immagine del paese e poi, nel momento in cui la trasmissione di Massimo Giletti manda in onda un servizio che, a livello di immagine, è devastante, il sindaco cosa fa? Diserta. Questo è inammissibile. Pasquini aveva il dovere assoluto di andare in trasmissione a difendere l’immagine di Allumiere e di tutti i suoi cittadini, e invece ha lasciato il comune di Allumiere alla mercè dello studio televisivo senza che ci fosse nessuno a controbattere. Che generale è un generale che nel momento della battaglia non si presenta e manda una giustificazione come uno scolaretto che non ha studiato? Oggi le dimissioni di Pasquini diventano ineludibili, e lui non può più sottrarsi al giudizio politico della storia, che lo boccia sonoramente. Come boccia pure le scelte che hanno portato alla sua candidatura, prima, e alla sua elezione, poi. Lo stesso ineluttabile dovere è in capo ai consiglieri di maggioranza, il cui silenzio è assordante. È assordante il silenzio del Movimento Fontana Tonna, ormai ridotta a stampella del PD, è assordante quello di chi in passato scelse di passare all’opposizione sulla vicenda della centrale a carbone e oggi non parla. Assordante è il silenzio del Partito Democratico di Allumiere, che scelse la parte sbagliata nel 2017 e continua, diabolicamente, a perseverare nell’errore, assumendosi la stessa responsabilità politica del fallimento di Pasquini. Assordante è il silenzio dei rappresentanti regionali e nazionali del PD, che di fronte a questo disastro epocale non proferiscono parola. Allumiere non merita questo affronto. Allumiere merita un sindaco all’altezza di tale ruolo, che si occupi delle questioni del paese, delle questioni sociali, ambientali, di salute, e non un sindaco che, nel migliore dei casi, quando si tratta di difendere Allumiere non si fa trovare nemmeno al telefono. Pasquini abbia almeno il coraggio di lasciare alla nostra cittadinanza la possibilità di voltare questa pagina indecorosa e dotarsi di una nuova classe dirigente, una classe dirigente che sia in radicale discontinuità con questo modello politico, con chi lo ha diretto e con chi lo ha avallato e sostenuto. Questo è il momento della verità finalmente disvelata: da un lato c’è chi questo modo di fare politica lo ha sempre combattuto, dall’altro quelli che lo hanno scelto nonostante tutto e tutti e in questi anni non hanno mai fatto nulla per arginarlo. Questa è l’ultima occasione per scegliere la parte giusta, ma bisogna venire allo scoperto e metterci la faccia. Chi ha voce, parli adesso. O taccia per sempre.”

Lo rendono noto in un comunicato congiunto i consiglieri comunali di opposizione di Allumiere Simone Ceccarelli (LeU), Giovanni Sgamma (FI) e Roberto Taranta (M5S)

30 Condivisioni

Anche tu REDATTORE!

Inviaci in tempo reale foto, video, notizie di cronaca, curiosità, costume.

Ti trovi nel mezzo di un incidente? Fotografa la situazione e manda due righe alla redazione, chiedendo se vorrai essere citato oppure no all'interno dell'articolo come autore. Invia il tuo materiale a [email protected] oppure raggiungici tramite whatsapp a questo numero 3472241340.

Grazie a questa rete di comunicazione baraondanews sarà in grado di fornire ancora più informazioni utili ai propri lettori. Insieme faremo un giornale ancora più potente ed efficace. 

Post correlati
Notizie

Brusaferro, calo curva contagi e morti

Notizie

Di Maio: dal 16 maggio superare il coprifuoco

Notizie

Covid, open day vaccinali nel Lazio: la Regione smentisce

Notizie

Coronavirus, oggi in Italia 10.554 nuovi casi (ieri 11.807) e 207 i decessi (ieri 258)

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.