fbpx
 
CittàCronaca

Cerveteri, Guido Rossi: “Un 4 novembre da non dimenticare”

Cerveteri, Guido Rossi: “Un 4 novembre da non dimenticare”

“Il 4 novembre , come tutti gli anni, presso il monumento ai caduti si è svolta la cerimonia in ricordo dei caduti in guerra Cerveterani e si è festeggiato i nostri soldati italiani in Patria e quelli impegnati nelle varie sedi mondiale a difesa della pace. Quest’ anno la preparazione, voluta particolarmente dall’ex Sindaco Gino Borgna, è stata curata dalle associazioni d’Arma e  dalla Protezione Civile di Cerveteri. Non è stata la prima volta che Gino ci riuniva, infatti lo stesso si era fatto promotore  della nascita del “Comitato della grande guerra” per ricordare il centenario della fine della prima guerra mondiale e organizzare   una mostra a ricordo di un evento così importante che aveva cambiato la vita di interi popoli.

Gino ci ha raccontato che erano più di dieci anni che sognava di riposizionare le targhe ai piedi degli alberi posti al perimetro del Parco della Rimembranza, con incisi i nomi dei giovani Cerveterani che avevano sacrificato la loro vita per  la nostra  libertà.

Cerveteri, Guido Rossi: "Un 4 novembre da non dimenticare"
Cerveteri, Guido Rossi: “Un 4 novembre da non dimenticare”

Ognuno di noi aveva un compito che è stato portato a termine in breve tempo e con soddisfazione.

Inutile dire che l’impegno maggiore è stato quello di Gino, con la fornitura e l’ incisione dei nominativi dei caduti nelle 42 mattonelle di peperino che sono state poste alla base di ogni albero. Sicuramente vi starete domandando perché vi racconto questo. Purtroppo proprio il giorno della celebrazione, il nostro Gino non è potuto intervenire per un problema fisico e non ha potuto assaporare la gioia di vedere realizzato un sogno coltivato da ben dieci anni.

Vedere presente tanta gente in rappresentanza delle famiglie dei caduti, tutte le Associazioni d’Arma, i rappresentanti dei Rioni e tanti uomini in divisa, ha accresciuto il mio rammarico per l’assenza del nostro Presidente .

Rammarico dovuto purtroppo anche al fatto che durante  la cerimonia voluta  sopratutto  per ricordare i giovani Cervetrani, per ricordare  il perché del  “Parco della Rimembranza“ e l’importanza dello stesso all’interno della comunità ,si sono menzionate le cose più disparate, episodi e personaggi più o meno importanti ma non si è evidenziato ne esaltato il significato e l’essenza di questo 4 Novembre dedicato si alle FF.AA., si ai nostri Soldati ma  sopratutto al ricordo dei nostri giovani caduti nella Prima  e Seconda  guerra mondiale. Ma va bene lo stesso…viva l’Italia , viva Cerveteri, viva le FF.AA”.

Post correlati
CittàCronacaNotizie

Cerveteri piange la scomparsa di Rafael Dalenz Cultrera

CittàCronaca

Cerveteri, ancora aggressioni da parte di pitbull. Lievemente ferita una donna

CittàCronaca

Cerveteri, annullata l'ultima giornata del Festival Etrusco dell'Inclusione e dell'Integrazione

Città

Ultima giornata del 4° Festival Etrusco dell'inclusione e dell'integrazione

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.