CittàCronacaEvidenzaNotizie

Caso Vannini, molte le domande senza risposta:”Ora parli il brigadiere”

126 Condivisioni

Il militare ha fatto sapere di non poter rilasciare dichiarazioni se non autorizzato dal Comando Generale dell’Arma dei carabinieri, che però ha negato questa possibilità.

Di Emanuele Rossi

“Antonio Ciontoli mi disse: non posso dire tutto quello che è successo perché altrimenti inguaio mio figlio”.

Era il 6 luglio 2017 quando il brigadiere dei carabinieri di Ladispoli, Manlio Amadori, testimoniò sull’omicidio di Marco Vannini davanti al collegio giudicante presieduto da Anna Argento e Sandro Di Lorenzo.

Quelle parole pronunciate nel tribunale di primo grado – non messe però a verbale, come riferito giorni fa anche dall’ex comandante della stazione locale Roberto Izzo- a distanza di tempo continuano ad avere un peso in un caso pieno di misteri.

Difficile al momento parlare con il diretto interessato, in servizio proprio la notte della tragedia.

Il militare ha fatto sapere di non poter rilasciare dichiarazioni se non autorizzato dal Comando Generale dell’Arma dei carabinieri, che però ha negato questa possibilità.

Ecco spuntare allora una petizione popolare, che in poche ore ha superato già quota 2mila ma è destinata a “rompere ” questo vincolo, “il ministro Trenta autorizzi il brigadiere Amadori a parlare”, è quanto si legge nella raccolta firme lanciata sulla piattaforma “Change.org”.

Cosa intendeva dire Amadori?

Caso Vannini, molte le domande senza risposta:"Ora parli il brigadiere"
Caso Vannini, molte le domande senza risposta:”Ora parli il brigadiere”

Potrebbe realmente essere a conoscenza di elementi mai svelati relativi alle indagini o comunque di altre questioni importanti?

Tante le domande rimaste senza una risposta in questa storia.

Perché la villa dei Ciontoli non è stata sequestrata?

Perché i rilievi della scientifica sono scattati molte ore dopo l’omicidio?

Perché lo stub in grado di rilevare tracce di polvere da sparo non è stato eseguito sulla moglie di Antonio Ciontoli e su Viola Giorgini, fidanzata del figlio?

Neanche il luminol è stato utilizzato per rilevare tracce di sangue.

Il maresciallo della Marina con un ruolo nei servizi segreti aveva in dotazione un altro telefonino e lo ha acceso per chiamare qualcuno mentre il povero Maro era ferito?

La madre di Marco Vannini si appella alla Procura :”non credo che l’Arma conceda l’autorizzazione al brigadiere Amadori, confido nel procuratore capo di Civitavecchia se lo riterrà opportuno.

Se c’è qualcuno a conoscenza di qualcosa parli,ho diritto di sapere la verità” commenta Marina Conte che poi si sfoga: “Marco non può parlare ed è l’unico a conoscere della verità.

Gli ho promesso giustizia.

Pensavo bastasse la perizia mediatica che ha evidenziato che mio figlio poteva salvarsi ma la legge in Italia è lenta.

Io e mio marito non viviamo più”.

Sul caso del Brigadiere interviene il legale dei Ciontoli, “Non c’è riscontro in nessun atto del processo. E poi Antonio Ciontoli ha sparato, lui aveva diverse particelle di polvere da sparo nel naso, non il figlio”, ribatte Andrea Miroli.

I fari sono puntati sul ricorso in Cassazione presentato da Vincenzo Saveriano, procuratore generale della Corte d’Appello di Roma. In secondo grado, per la morte del giovane cerveterano, sono stati condannati per omicidio colposo a 5 anni Antonio Ciontoli e a 3 il resto della famiglia.

da “Il Messaggero”

126 Condivisioni

Anche tu REDATTORE!

Inviaci in tempo reale foto, video, notizie di cronaca, curiosità, costume.

Ti trovi nel mezzo di un incidente? Fotografa la situazione e manda due righe alla redazione, chiedendo se vorrai essere citato oppure no all'interno dell'articolo come autore. Invia il tuo materiale a baraonda.giornale@gmail.com oppure raggiungici tramite whatsapp a questo numero 3472241340.

Grazie a questa rete di comunicazione baraondanews sarà in grado di fornire ancora più informazioni utili ai propri lettori. Insieme faremo un giornale ancora più potente ed efficace. 

Post correlati
CittàNotizie

Roma, in fiamme un appartamento in Via Niso: nessun ferito

AttualitàNotizie

Presentata l'operazione mare sicuro 2019

Cittàpolitica

Enel, De Paolis-Scilipoti: "Pretendiamo rispetto"

CittàNotizie

Trasporti, nuova fermata Cotral

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.

Leggi online
BARAONDA NEWS

SFOGLIA LA RIVISTA
close-link
Sfoglia la rivista