fbpx
politica

Allumiere, Ceccarelli: “Mancata apertura elementare ennesimo fallimento di Pasquini”

Il consigliere comunale si scaglia contro il sindaco

Allumiere, Ceccarelli: mancata apertura elementare ennesimo fallimento di Pasquini

L’ennesimo fallimento di Pasquini che Allumiere è costretta a constatare riguarda la scuola elementare. Il 5 maggio, infatti, è uscito un articolo all’interno del quale l’amministrazione si intestava meriti non suoi relativamente al finanziamento ENEL (soldi acquisiti in realtà dall’amministrazione Battilocchio) e in cui si annunciava l’imminente apertura del plesso. Con la sua solita retorica sentimentale, il sindaco confessava l’emozione di aver visto il bianco dominare dentro le scuole durante un sopralluogo. Chi ha letto quell’articolo ha finalmente visto una luce in fondo al tunnel, dato che questa amministrazione ha vinto le elezioni promettendo l’apertura del plesso per dicembre 2017, urlando dal pulpito che per quella data sarebbero entrate “le molazze” di ditte allumierasche a sbrigare la pratica e invece a maggio 2019 ancora la scuola è chiusa. Come se non bastasse, alla fine dell’articolo si faceva passare l’indiscrezione che nelle intenzioni di Pasquini ci sarebbe stata quella di indicare il plesso di via Turati come sede di seggio per le europee. E invece la circolare che è stata recapitata al corpo insegnanti ufficializza nuovamente il seggio alle scuole medie, smascherando il solito bluff di Pasquini che come al solito promette arrosto ma al momento della verità vende soltanto fumo. Sinceramente, soltanto un irresponsabile avrebbe potuto aprire al pubblico una scuola nella quale sono ancora in corso dei lavori, ma quel che è preoccupante è che se Pasquini è stato smentito dai fatti sull’apertura per le elezioni, la stessa cosa potrebbe verificarsi a settembre per l’apertura vera e propria della scuola. Dal momento che mancano ancora parecchi soldi per chiudere i lavori, la promessa di aprire le scuole prima che finiscano i lavori esterni sembra diventare l’ultima delle sue fake news. L’ultima, beninteso, solo in ordine di tempo. Se avesse un minimo di lungimiranza e di amor proprio, la cosa migliore che potrebbe fare Pasquini sarebbe quella di accettare il suo fallimento, non ostinarsi inutilmente a cercare di recuperare un consenso che non ha più e dare ad Allumiere la possibilità di dotarsi di una guida più autorevole e capace della sua.

Simone Ceccarelli
Consigliere Comunale
ArticoloUNO Allumiere

Anche tu REDATTORE!

Inviaci in tempo reale foto, video, notizie di cronaca, curiosità, costume.

Ti trovi nel mezzo di un incidente? Fotografa la situazione e manda due righe alla redazione, chiedendo se vorrai essere citato oppure no all'interno dell'articolo come autore. Invia il tuo materiale a baraonda.giornale@gmail.com oppure raggiungici tramite whatsapp a questo numero 3472241340.

Grazie a questa rete di comunicazione baraondanews sarà in grado di fornire ancora più informazioni utili ai propri lettori. Insieme faremo un giornale ancora più potente ed efficace. 

Post correlati
Notiziepolitica

Porto Pidocchio, Ascani: "Grazie alla Regione Lazio e all'assessore Alessandri"

Cittàpolitica

PD Ladispoli, l'agenda degli incontri con la cittadinanza

Notiziepolitica

Manovra, Gualtieri: "Asili nido gratis per gran parte delle famiglie dal 1 gennaio"

Notiziepolitica

Anche il M5S Lazio interroga Zingaretti su Stazione di benzina e campeggio a Torre Flavia

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.

Leggi online
BARAONDA NEWS

SFOGLIA LA RIVISTA
close-link
Sfoglia la rivista
Hai bisogno di aiuto?