fbpx
AttualitàCittà

Alla Ladispoli1 il Progetto Agenda 2030: “Il mondo che vogliamo”

Alla Ladispoli1 il Progetto Agenda 2030: “Il mondo che vogliamo” – riceviamo e pubblichiamo:

Anche quest’anno nell’Istituto Comprensivo Ladispoli1, si sono avviati gli interessanti laboratori che hanno come focus alcune delle tematiche dell’Agenda 2030 dell’Onu, seguendo alcune fra le tematiche principali inerenti ad uno o più obiettivi di sviluppo sostenibile. A coordinare il Progetto Agenda 2030, che coinvolge le classi della Primaria e della secondaria di primo grado, i docenti : Tessicini, Biscotti, Trinetti, Reali e Aloj.

Alla Ladispoli1 il Progetto Agenda 2030: "Il mondo che vogliamo"
Alla Ladispoli1 il Progetto Agenda 2030: “Il mondo che vogliamo”

Approvato, nel 2015 da 193 stati membri dell’ONU , Agenda 2030 si caratterizza come un programma d’azione per le persone e il pianeta ed ha come obiettivi di sviluppo, quello di porre fine ad ogni forma di povertà nel mondo, ridurre le disuguaglianze e diminuire le sostanziali differenze tra Paesi ricchi e Paesi poveri, tra regioni più economicamente sviluppate e regioni più sfortunate e promuovere società pacifiche cercando di cambiare il nostro pianeta e renderlo un posto migliore per tutti. Sviluppare nei nostri studenti la capacità di agire da cittadini responsabili e di partecipare pienamente e consapevolmente alla vita civica, culturale e sociale della comunità: è questo l’obiettivo che i docenti del nostro Istituto, si sono proposti nell’ambito dell’EDUCAZIONE CIVICA, sviluppando un itinerario di lavoro finalizzato a conoscere i contenuti che questo ampio e interessantissimo progetto propone. I diritti che i 17 Obiettivi, individuati dall’ONU, vogliono raggiungere dovranno essere dunque validi per tutti. “NESSUNO ESCLUSO” è uno dei principali slogan dell’ “Agenda 2030”: nessuno cioè deve essere lasciato indietro e il progresso dovrà essere ottenuto per tutti e per l’intera umanità.

La nostra Scuola non può che accogliere in modo sentito questo messaggio ed è proprio con questo spirito che gli studenti delle classi 3^A e 3^C della secondaria di 1° grado del nostro Istituto, sapientemente coordinati dalla loro Prof.ssa Tiziana Aloj, si sono concentrati su un argomento tanto delicato e doloroso quanto di grande attualità: quello dei migranti , delle loro tratte , dei loro “viaggi della speranza”, alla disperata ricerca di una vita più giusta e più dignitosa.

Così, cercando di spiegar loro in modo semplice cosa significa essere rifugiato,  qual è la differenza fra profugo e rifugiato, com’è la dura la loro vita e quante sofferenze sono costretti a subire per poter realizzare il loro sogno, la prof.ssa Aloj, ha realizzato insieme alle classi coinvolte, un suggestivo percorso nel quale i ragazzi, hanno voluto esprimere con disegni , cartelloni, pensieri, video e fotografie, il loro personalissimo punto di vista. Tante le definizioni e le ragioni, uno il fenomeno complessivo: di fronte a guerre, conflitti, disastri naturali, povertà e mancanza di risorse, gli uomini e le donne del mondo si spostano.

Da sempre. In un momento in cui il numero di persone in fuga da guerre, violenze e persecuzioni ha raggiunto un livello record , diventa davvero necessario comprendere la condizione di chi è stato costretto ad abbandonare la propria casa, la propria terra, anche per poterlo accogliere quando arriva, perché una società che sa accogliere e includere è una società che sa proteggere. Vivace l’interesse dimostrato dai ragazzi e dalle ragazze delle classi che hanno aderito al Progetto; efficace e proficuo l’impegno e l’entusiasmo profusi nelle attività. L’intento è anche quello di far scuola in maniera creativa e coinvolgente usando una pluralità di linguaggi, dall’iconico al multimediale, che promuovano la sensibilizzazione dei ragazzi alle tematiche proposte.

In vista delle iscrizioni al nuovo anno scolastico, il nostro Istituto, non rinuncia a presentare tutti i propri progetti ad alunni e genitori. Anche in epoca di pandemia. E per non abbandonare le famiglie ci siamo attrezzati con tour virtuali che consentiranno a tutti, di visitare i nostri ambienti scolastici, ma anche di interloquire con il nostro Dirigente Scolastico, Prof.ssa Enrica Caliendo, e con i docenti dei tre ordini di scuola, pronti ad accogliere e dare informazioni utili per chi volesse iscrivere i propri figli nel nostro Istituto. Gli accattivanti laboratori organizzati da tutti gli ordini di scuola, svolti nel rispetto rigoroso delle norme anti covid, potranno dimostrare la ricchezza e la validità del nostro Piano Triennale dell’Offerta Formativa.

Ricordiamo quindi a tutti coloro che vorranno visitare virtualmente il nostro Istituto e tutti i suoi spazi, che potranno farlo sul sito web della nostra scuola, digitando www.icladispoli1.edu.it Vi aspettiamo numerosi!

Anche tu REDATTORE!

Inviaci in tempo reale foto, video, notizie di cronaca, curiosità, costume.

Ti trovi nel mezzo di un incidente? Fotografa la situazione e manda due righe alla redazione, chiedendo se vorrai essere citato oppure no all'interno dell'articolo come autore. Invia il tuo materiale a [email protected] oppure raggiungici tramite whatsapp a questo numero 3472241340.

Grazie a questa rete di comunicazione baraondanews sarà in grado di fornire ancora più informazioni utili ai propri lettori. Insieme faremo un giornale ancora più potente ed efficace. 

Post correlati
CittàNotiziepolitica

Un Nuovo Inizio con Alessio Pascucci, la presentazione dei candidati sul lungomare di Ladispoli

CittàCronaca

Civitavecchia: crociere, riapre Largo della Pace

CittàNotizie

Il Covid spinge verso le piccole città, Cerveteri e Ladispoli tra le più attrattive

Città

Ladispoli: allo studio un parcheggio multipiano in vicolo Pienza

Iscriviti alla nostra Newsletter e rimani sempre aggiornato.